logo_extra Extra è il magazine estivo del Corriere Romagna dal 1994

RAVENNA

«Io usato come esca per prendere Igor. Credevano lo nascondessi nel baule»

Fuggito in Spagna, Luigi Scrima, racconta dei mesi passati sotto controllo prima dell’arresto del killer

05/06/2018 - 18:10

«Io usato come esca per prendere Igor. Credevano lo nascondessi nel baule»

RAVENNA. «Erano convinti che passassi la frontiera con Igor». A parlare è il lughese Luigi Scrima, 40enne compagno di cella per 5 anni di Vaclavic-Norbert Feher, meglio conosciuto alle cronache come Igor il Russo. La sua è una testimonianza da fuggiasco a Valencia, dove vive ormai da un anno, da quando cioè ha lasciato Lugo dove era in affidamento ai servizi sociali per scontare ancora 5 mesi di pena. Una fuga motivata dal fatto che «non ce la facevamo più in famiglia, li avevamo tutti addosso, gli inquirenti che cercavano Igor e lo cercavano tramite me. Quando è scoppiato il casino di Igor non si può immaginare cosa abbiamo passato io e la mia famiglia, seguiti, controllati, pedinati. Per gli inquirenti io ero il colpevole, conoscevo Igor e pertanto l’avevo aiutato. Così abbiamo messo tutto insieme e siamo partiti». Una fuga in Spagna, proprio a Valencia, dove Feher, come noto, è stato arrestato (precisamente ad Andorra di Teruel) dopo aver ucciso tre persone, un agricoltore e due agenti della Guardia civil. Scrima è convinto di essere stato usato come esca, ripercorrendo quei giorni di viaggio verso la frontiera, quando i carabinieri lo fermarono denunciandolo per violazione della misura cautelare (non poteva allontanarsi dal comune di Lugo) e poi lasciandolo andare: «A Ventimiglia mi stavano aspettando, era come se avessi Igor in macchina, erano convinti che passassi la frontiera con Igor». Poi lo hanno rilasciato: «Mi hanno tenuto un’ora - ha dichiarato al quotidiano La Nuova Ferrara - credevo mi arrestassero: la mia compagna era disperata, ci lasciarono andare e lei disse “ma che botta di c... impossibile che ci fanno andar via”. Lì ho cominciato a capire che ci seguivano».

Ad arresto compiuto, spiega, «è stata quasi una liberazione». L’ultima volta che i due si sentirono, racconta Scrima, era passato poco da quando Feher aveva freddato Valerio Verri e Davide Fabbri: «Lo cercai, su Messenger dove ci sentivamo spesso e gli dissi “Igor, ma che c... stai combinando”. È stata quella l’ultima volta che l’ho contattato, non ha risposto».

Ora che il pluriomicida è in carcere a Saragozza, Scrima si sfoga: «Tutti continuano ad associarmi a Igor, ma lui ha ammazzato 5 padri di famiglia, io non ci sto, non sono mai stato suo complice, lo sanno quelli che indagano, nonostante io abbia dato loro il mio aiuto: anche i servizi segreti me l’hanno chiesto e credevo fossero cose solo da film. Mi hanno proposto che se li aiutavo a prenderlo vivo mi avrebbero pagato, gli ho detto che non sapevo niente di lui e fin dalla prima volta che i carabinieri del Ros fecero il blitz a casa mia gli dissi di cercare a Valencia, Igor diceva che Valencia era casa sua».

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c