logo_extra Extra è il magazine estivo del Corriere Romagna dal 1994

RAVENNA

Non paga gli alimenti dopo la separazione: padre va in carcere

Affidato ai Servizi sociali da febbraio, l’uomo è stato arrestato sulla base delle disposizioni del tribunale

22/05/2018 - 15:18

Non paga gli alimenti dopo la separazione: padre va in carcere

RAVENNA. È finito in carcere per non aver versato gli alimenti alla famiglia. Li passerà dietro le sbarre i nove mesi disposti dal giudice un 43enne originario di lecce ma residente a Ravenna, arrivato alla condanna definitiva pronunciata dalla Cassazione. Decisione che ha portato all’esecuzione dell’ordine di arresto da parte dell’ufficio Esecuzioni penali del tribunale di Ravenna. L’uomo è stato prelevato dalla squadra Mobile della polizia di Stato, che ora sconterà la pena nella casa circondariale di Ravenna.

I fatti

La storia ha inizio nel 2010 a Mantova quando, in seguito alla separazione con l’allora convivente, al 43enne era stato imposto l’obbligo di versare mensilmente una quota per garantire il sostentamento della ex e del figlio. Dovere al quale l’uomo non si era mai attenuto, sottraendosi soprattutto al mantenimento per il figlio minorenne, così come fissato in sede di separazione. Così l’ex compagna aveva deciso di denunciarlo. Per questi episodi il tribunale di Mantova aveva emesso nel novembre del 2014 una condanna a nove mesi di reclusione, a cui erano stati aggiunti anche 900 euro di multa. Sentenza alla quale l’uomo aveva fatto ricorso in Appello, per poi rivolgersi infine alla Corte di Cassazione.

Trascorso l’iter e giunto l’ultimo grado di giudizio, nel febbraio di quest’anno era stato provvisoriamente affidato in prova ai Servizi sociali. Ma sabato scorso è sopraggiunta la decisione dell’ufficio Esecuzioni penali del tribunale di Mantova, che ha disposto la revoca dell’affidamento in prova provvisorio, disponendo la carcerazione immediata. Per questo gli agenti della squadra Mobile si sono presentati nella abitazione del 43enne e dopo le formalità di legge lo hanno accompagnato in carcere a Ravenna dove resterà fino al primo dicembre di quest’anno.

La nuova legge

La disposizione arriva alla luce dell’articolo 570 bis del codice penale, previsto dal decreto 21/2018 che prevede il carcere fino a un anno o una multa fino a 1.032 euro per l’ex coniuge che si sottrae all’obbligo di pagare quanto pattuito in sede di separazione o divorzio in favore dell’altro coniuge e dei figli.

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c