Domenica 20 Agosto 2017 | 05:55

Più letti oggi

FAENZA

Profughi al lavoro per ripulire il centro

Raccolta di carta, sigarette, piccoli rifiuti abbandonati eliminazione della vegetazione spontanea

Profughi al lavoro per ripulire il centro

FAENZA. Prosegue e si rafforza il progetto “Pulito è + bello”, iniziativa promossa dalla collaborazione tra il Museo all’aperto del Comune, il Museo del settore Territorio e l’Azienda di servizi alla persona.

Il progetto a livello sperimentale è iniziato a dicembre 2016 e si caratterizza per essere un’azione che sposa una radicale operazione di pulizia e decoro pubblico per il centro storico e il coinvolgimento di diversi ragazzi richiedenti protezione internazionale attualmente ospitati e coordinati dall’Asp stessa.

Partita come intervento di pulizia in un’area localizzata del centro, compreso tra la Pinacoteca, il Liceo classico, il Polo dei licei, la scuola di musica, la chiesa di Sant’Umiltà, quella del Suffragio e Santa Maria dell’Angelo, il palazzo Mazzolani con il deposito archeologico e la sede dell’Isia, l’iniziativa ora si espande. Con il nuovo corso, in partenza in questi giorni, oltre al quadrilatero già interessato da questa opera di pulizia sarà l’intero centro storico faentino. In più si aggiungerà anche il viale dello Stradone.

Dal lunedì al venerdì in centro storico due squadre composte ciascuno da quattro ragazzi e seguite dal dipendente comunale Oriano Cenni lavoreranno per raccogliere carta, sigarette, piccoli rifiuti, per togliere la vegetazione spontanea ai bordi dei fabbricati e pulire le insenature e angoli nascosti. Il sabato invece l’intervento verrà effettuato lungo il viale dello Stradone.

«Dopo una prima fase di sperimentazione chiusasi molto positivamente, adesso proseguiamo qualificando ulteriormente il servizi – spiega il presidente dell’Asp, Massimo Caroli –. La risposta dei faentini è stata positiva. Di questo modo di promuovere esperienze di sussidiarietà attraverso un’azione improntata alla partecipazione, il feedback è superiore alle nostre più rosee aspettative. Il progetto, che ricordiamo non costa nulla al pubblico, permette al contempo ai ragazzi volontari che partecipano di mettere in pratica, interiorizzare e acquisire valori e atteggiamenti di collaborazione e senso civico».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000