Sabato 10 Dicembre 2016 | 04:01

SICUREZZA A FAENZA

Spray anti aggressione e bastoni ai vigili

Più strumenti di difesa per gli agenti di Pm

Spray anti aggressione e bastoni ai vigili

FAENZA. Un piano di azioni per la sicurezza e la promozione della coesione. Questo è quanto ha realizzato e messo nero su bianco l’amministrazione comunale faentina. Si tratta di un progetto dettagliato su cosa palazzo Manfredi intende fare, in funzione delle proprie competenze, sull’ordine pubblico e la coesione tra i cittadini. Una ventina di punti che si traducono in altrettante iniziative che vedranno il raccordo e la collaborazione dell’amministrazione con le forze dell’ordine, l’associazionismo e la stessa cittadinanza.

Nuovo ruolo e dotazioni per la Pm. In queste linee d’indirizzo la polizia municipale avrà un ruolo fondamentale. In primis avrà il compito di intervenire prioritariamente per il rilievo di incidenti stradali, al fine non gravare sul servizio di carabinieri e polizia di Stato. Inoltre all’interno del corpo verrà istituito un “Nucleo sicurezza urbana e coesione sociale”. Parallelamente, per quanto riguarda gli agenti in servizio, oltre a venire assicurata formazione continua, verrà adeguata la dotazione di strumenti per l’autotutela (spray anti aggressione e bastone distanziatore estensibile). Inoltre sono previsti investimenti sul versante del personale, sia per sostituire i pensionamenti sia per incrementarne il numero.

Più controlli su strade. Nelle linee dettate nel nuovo piano, si sottolinea l’intenzione di aumentare il controllo della velocità dei veicoli in ambito urbano. Un’azione che verrà effettuata grazie all’utilizzo di strumenti elettronici di rilevazione quali autovelox, telelaser e tecnologie per il controllo delle infrazioni semaforiche

Potenziamento videosorveglianza. E’ stato finanziato, ed è in corso di realizzazione, il quarto stralcio dell’ampliamento della videosorveglianza. In primavera il Comune di Faenza installerà 20 nuove telecamere. In questo modo la dotazione degli occhi elettronici arriverà a 60 telecamere. Tra queste ci saranno anche tre varchi per lettura targhe in via S.Silvestro-via Pier della Francesca, via Cavalcavia-via Granarolo e nella rotonda di via Forlivese.

Più informazione e ascolto. Sul versante del dialogo tra ente e cittadini, il Comune intende realizzare il servizio “Comuni-chiamo”, che permetterà la registrazione e gestione delle segnalazioni di problemi o disservizi (non in emergenza) inoltrate all’ente dai cittadini. Inoltre verranno potenziati gli interventi nell’ambito dell’educazione alla legalità per i ragazzi dai 12 ai 15 anni e saranno organizzate maggiori campagne informative dedicate a specifici temi di autotutela civica (furti, frodi, raggiri).

Un impegno corale. Per quanto riguarda la promozione della coesione sociale, l’amministrazione è pronta a sostenere e rafforzare il rapporto di collaborazione che esiste con diverse associazioni operanti sul territorio. Sia per la prevenzione e tutela delle vittime della violenza di genere (Sos donna) sia per la promozione dell’integrazione sociale (consulta degli stranieri). Quest’ultima anche grazie al potenziamento della mediazione linguistica e culturale nelle scuole. Anche i quartieri, centri sociali e rioni saranno coinvolti al fine di valorizzare il ruolo di prevenzione sociale.

Mantenere i presidi. Infine l’amministrazione faentina si impegna a mantenere il commissariato della polizia manfreda e il distaccamento della polizia stradale sul territorio comunale, oltre al distaccamento dei vigili del fuoco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000