Venerdì 09 Dicembre 2016 | 04:49

IL GUASTO

Asilo al freddo, arrivano le stufette

Si rompe il riscaldamento al Peter Pan di Ponte Nuovo. Ieri, senza neppure l'acqua, i locali sono rimasti chiusi

Asilo al freddo, arrivano le stufette

RAVENNA. Tempi difficili per le scuole ravennati. Dopo l’allarme topi scattato nel nido del polo Lama sud, arriva la rottura dell’impianto di riscaldamento nella scuola dell’infanzia Peter Pan di Ponte Nuovo. Un guasto improvviso, martedì 8 ha lasciato al freddo i giovanissimi alunni, le insegnanti e il personale, creando non pochi disagi, vista la diminuzione della temperatura, avvenuta proprio in questi giorni. Ieri la scuola è rimasta chiusa anche per il mancato funzionamento della fornitura idrica. Ma mentre l’impianto idrico è già stato ripristinato dai tecnici comunali e l’acqua è tornata, serviranno ancora un paio di giorni per intervenire sulle condotte esterne e sotterranee danneggiate. Da qui l’avviso ai genitori, raggiunti anche via sms. Davanti alla scuola un cartello ieri avvertiva che nella giornata di oggi e di domani i locali della scuola saranno riaperti e provvisoriamente riscaldati con dispositivi d’emergenza come stufette collocate nelle sezioni.

La temperatura verrà monitorata e in caso di freddo eccessivo verranno presi provvedimenti per evitare situazioni di disagio ulteriore. Alle famiglie è stato chiesto di vestire con capi più pesanti i bambini e almeno i pasti caldi saranno comunque garantiti dalla Camst. Da lunedì, annuncia una nota inviata dal Comune, la situazione sarà ripristinata. L’assessore all’istruzione Ouidad Bakkali raggiunta al telefono conferma: «Stiamo lavorando per risolvere al più presto il problema. Chiudere e interrompere un pubblico servizio è l’ultima scelta per noi, perché cerchiamo di non mettere in difficoltà le famiglie. All’interno delle sezioni verranno installati impianti provvisori».

Non dovrebbero esserci quindi ulteriori sorprese per i bambini di Ponte Nuovo, alle prese con un’esperienza che non dimenticheranno, ben lontana dalle formule attuate nei paesi scandinavi, come Danimarca e Svezia dove i bambini anche nei mesi invernali con temperature rigide passano all’aperto il tempo della ricreazione. (c.b.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000