Venerdì 09 Dicembre 2016 | 14:28

Più letti oggi

 

RISORSE CHE FANNO GOLA

Ricerca di idrocarburi, americani pronti a far partire le trivelle

La Aleanna Resorces ha chiesto il permesso per avviare sondaggi a Savarna, Sant'Alberto e Alfonsine

Ricerca di idrocarburi, americani pronti a far partire le trivelle

La trivella che nel 2009 fu installata a San Pietro in Vincoli non senza polemiche

RAVENNA. A lanciare l’allarme era stato il meetup “A riveder le stelle - Cittadini attivi Ravenna”, a presentare un question time in consiglio comunale ci ha pensato ieri il capogruppo Pd Alessandro Barattoni. A preoccupare tutti è la richiesta di effettuare attività di ricerca nel sottosuolo di idrocarburi, inviata al ministero dell’ambiente dalla società americana Aleanna Resources nel 2014. Un atto accompagnato da una valutazione di impatto ambientale. Il territorio interessato si estende nelle province di Ferrara e Ravenna, interessando quindi i comuni di Comacchio, Argenta, Alfonsine e le località di Sant’Alberto e Savarna. Se il capogruppo Barattoni ha chiesto lumi sull’iter autorizzativo e sulle modalità con cui i cittadini possono informarsi e prendere visione del progetto, il meetup ha attaccato il Comune per non aver dato comunicazione in materia. Una presa di posizione che non ha impedito l’invio della documentazione a tutti i gruppi consiliari con una proposta di mozione volta a informare tutti i cittadini, e che contiene l’auspicio che le amministrazioni presentino proprie osservazioni al procedimento. Nel dettaglio il rilievo geofisico 3D avverà in due aree, la Stefanina nord (Valli del Mezzano) con habitat di interesse comunitario e Stefanina sud (valli di Comacchio). Le attività si svolgeranno per circa 2 mesi, sondando il terreno alla ricerca di idrocarburi mediante l’uso - scrive il meetup - «di camionette Vibroseis, che scuoteranno il terreno, inviando segnali (onde elastiche) nel sottosuolo e analizzando la risposta, basandosi sullo stesso principio che sta alla base della tecnica per le prospezioni marine denominata airgun. In totale saranno circa 5.400 i punti di presa dati». In consiglio comunale l’assessore all’ambiente Giannandrea Baroncini ha spiegato ieri che in realtà la documentazione progettuale è consultabile on line e sull’Albo Pretorio mentre il progetto in cartaceo è a disposizione del pubblico. Il Comune ha pubblicato sul proprio sito, un avviso con indicato il link del Ministero, per poter visionare la documentazione. Verrà inoltre informato il consiglio territoriale e la popolazione locale interessata. «Entro il 21 novembre - conclude Baroncini - sarà possibile presentare osservazioni al progetto. Il Comune, sentiti anche gli altri enti competenti provvederà a trasmettere le proprie osservazioni e integrazioni alla Regione, la quale una volta raccolti i pareri di tutti gli enti locali coinvolti, provvederà a trasmettere al ministero, una propria delibera».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000