Giovedì 08 Dicembre 2016 | 05:02

L'ADDIO A LIVERANI

Matteo Renzi oggi alla camera ardente

Domani pomeriggio i funerali in piazza forse con il ministro Boschi

Matteo Renzi oggi alla camera ardente

RAVENNA. «Da mezzogiorno tutti potremo salutare Enrico alla camera mortuaria». L’annuncio del sindaco Matteucci arriva sui social. La camera ardente per l’assessore Liverani verrà aperta dunque nella tarda mattinata di oggi. I funerali invece si terranno domani pomeriggio, alle 15.30, in piazza del Popolo.

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi arriverà a Ravenna oggi dopo pranzo. Non sarà quindi presente alle esequie come si era ipotizzato in un primo momento. Ma darà comunque un ultimo saluto a Liverani alla camera ardente, mentre martedì dovrebbe essere impegnato, a Venezia, per i funerali di Stato di Valeria Solesin, la ricercatrice italiana rimasta uccisa nell’attacco terroristico al Bataclan di Parigi. L’arrivo del premier alla camera mortuaria è previsto per le 14.30. Domani invece in piazza del Popolo potrebbe esserci il ministro Maria Elena Boschi.

Ma il lungo e commosso addio al candidato sindaco del Pd inizierà già questa mattina, con il consiglio comunale straordinario, alle 9.30, durante il quale i gruppi politici ricorderanno un assessore che, in appena dieci mesi, era riuscito a dare un’impronta nuova al suo settore facendosi apprezzare da tutti, avversari compresi. Alle 12 poi aprirà la camera ardente. «Domani - spiega il sindaco - dopo il consiglio comunale, decideremo come organizzare i picchetti d’onore ai quali parteciperanno i membri della giunta, dell’amministrazione, dei gruppi consiliari e del sindacato».

Saranno turni probabilmente da quattro persone durante tutto il periodo di apertura della camera ardente.

Ieri il sindaco ha fatto una breve visita alla salma in camera mortuaria. Ancora scosso, ieri pomeriggio Matteucci è rimasto al lavoro per organizzare l’addio al 39nne che aveva scelto un anno fa chiamandolo in giunta e convincendolo a lanciarsi nel nuovo impegno politico e sul quale, quando ancora il partito democratico discuteva di candidature, non aveva mai fatto mistero di puntare per la successione a sindaco di Ravenna.

Se n’è andato invece troppo presto, stroncato da un malore mentre era alla guida della sua utilitaria, venerdì sera, sulla Reale. Aveva appena partecipato alla manifestazione contro gli attacchi terroristici di Parigi. C’è una foto scattata proprio dal sindaco. E’ l’ultima che lo ritrae in vita, in mezzo alla gente con le fiaccole in mano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000