Sabato 01 Ottobre 2016 | 14:06

Più letti oggi

ALLARME FURTI NELLE FRAZIONI

Ladri in azione a casa della Idem

Entrati grazie allo sportello del gatto. Colpo messo a segno mentre i proprietari stavano dormendo

Ladri in azione a casa della Idem

RAVENNA. Sono entrati in azione nel cuore della notte, sfruttando la finestrella basculante per il gatto. Ma invece del micio di casa, nell’abitazione dell’ex campionessa Sefi Idem sono entrati alcuni topi...d’appartamento. Una delle tante batterie di ladri che negli ultimi tempi, favoriti anche dalla nebbia, hanno preso di mira il quadrilatero compreso tra Piangipane, Santerno, Camerlona e Mezzano. Anche se differenza dei tanti gruppi dell’Est europeo che colpiscono in quella zona, ad agire in quest’ultimo caso sarebbero stati degli italiani.

L’episodio, su cui sono in corso indagini da parte dei carabinieri del Norm, risale ad una decina di giorni fa; un colpo mirato ma non isolato, visto che la stessa sera nei dintorni si sono verificate altre visite indesiderate. Probabilmente la mano è la stessa di chi in quelle stesse ore ha sottratto un mezzo pesante da un’azienda poco distante e di quanti sono entrati in un’abitazione vicina alla casa della parlamentare, dove le telecamere hanno immortalato l’incursione di quattro persone incappucciate.

Tra i due colpi, l’attenzione dei malviventi si è soffermata sulla villa della Idem dove i malviventi sono entrati attraverso la “gattaiola”, ovvero il varco realizzato nella porta di un ingresso laterale per far entrare il micio. Grazie a quel passaggio i ladri sono riusciti a far scattare la serratura e a passare. L’incursione è avvenuta mentre i proprietari erano in casa ma approfittando del fatto che stessero dormendo i ladri sono riusciti a impossessarsi di circa 3mila euro prima di allontanarsi e proseguire le loro scorribande.

Un’irruzione, una delle tante, avvenuta in una porzione di territorio particolarmente presa di mira dal fenomeno dei furti. Non a caso Santerno è l’unico paese del Ravennate dove i cittadini si sono organizzati in vere e proprie ronde, con gli abitanti impegnati in prima persona a vigilare sulle strade della frazione e pronti a segnalare la presenza di eventuali persone o mezzi sospetti. Nell’abitato così come nelle campagne circostanti l’allarme per la sicurezza è molto sentito. E proprio a Santerno lunedì è in programma un incontro tra i carabinieri e gli stessi “rondisti”. (gi.ro.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000