Lunedì 26 Settembre 2016 | 09:17

BAGNARA, INCIDENTE IN VIA PILASTRINO

Esce di strada e si schianta contro i piloni di un cancello

Muore un 31enne

Esce di strada e si schianta contro i piloni di un cancello

BAGNARA. Sbanda, esce di strada e si schianta contro i piloni di un cancello di un’abitazione. Un urto violento che non gli lascia scampo.

E’ morto praticamente sul colpo Ahmed Mekaoui, 31enne originario del Marocco. Viveva nella vicina Massa Lombarda, insieme alla moglie e alla figlia di solo 1 anno di età. L’incidente si è verificato ieri attorno alle 12.30 in via Pilastrino, a Bagnara di Romagna.

Il giovane, alla guida di una Volskwagen Polo, stava viaggiando in direzione del centro di Bagnara. Secondo una prima, parziale ricostruzione, il 31enne a circa un centinaio di metri prima della Rocca ha d’improvviso perso il controllo del proprio veicolo (forse a causa di una disattenzione oppure di un malore), finendo per invadere e quindi oltrepassare la carreggiata opposta al proprio senso di marcia. Ha poi lambito il cordolo della pista ciclabile laterale, dove sono rimaste tracce del suo passaggio, quindi è finito violentemente contro un pilone in cemento armato che regge la cancellata di un’abitazione, rimbalzando subito dopo contro il secondo pilone, dove alla fine ha arrestato la sua corsa. Le lamiere della vettura si sono accartocciate attorno a lui, che ha tra l’altro sfondato il parabrezza con la testa: l’impatto è stato fatale.

Per riuscire a estrarre il corpo dalla vettura sono dovuti intervenire i vigili del fuoco. Gli operatori sanitari del 118, giunti sul posto a bordo di un’ambulanza e dell’elimedica (il cui intervento alla fine si è reso inutile) hanno disperatamente tentato di rianimare il 31enne, ma di lì a poco non hanno potuto far altro che constatare il decesso.

Per quanto riguarda i rilievi, se ne sono occupati gli agenti del reparto anti infortunistica della polizia municipale della Bassa Romagna, chiamati a determinare cause e dinamica del sinistro.

La strada è stata chiusa per diverso tempo in entrambe le direzioni, il tempo necessario per le operazioni di recupero del cadavere e del mezzo incidentato.

A dare una mano per gestire la viabilità sono sopraggiunti anche una pattuglia dei carabinieri e i volontari dell’associazione “Gives”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000