Giovedì 29 Settembre 2016 | 18:58

NOTTE DI PAURA A CERVIA

Rissa tra bande, tre ragazzi in manette

I carabinieri non escludono che all'origine ci sia uno scontro legato allo spaccio

 Rissa tra bande, tre ragazzi in manette

CERVIA. Era da poco trascorsa l’una di notte quando i carabinieri, allertati dalla sicurezza della discoteca Rockplanet, a Pinarella di Cervia, sono intervenuti per una rissa all’esterno del locale tra due bande composte rispettivamente da 3 e 4 giovani. All’origine dello scontro non si esclude possa esserci la contesa della piazza di spaccio. Tutto è avvenuto fuori dalle discoteche Rock Planet e King dove si è scatenato il parapiglia tra due gruppi composti da tre e quattro giovani con tanto di lancio di bottiglie.

Il primo a rimanere a terra un 20enne di Imola, Z.K., giudicato poi guaribile in 7 giorni per contusioni. Tra i primi a soccorrerlo, gli addetti alla sicurezza della discoteca, i quali riuscivano anche a trattenere uno degli aggressori, D.D.L., un messinese di 26 anni, residente a Forlì, da poco uscito dal carcere. Quest’ultimo, nonostante l’intervento dei buttafuori e l’imminente arrivo dei carabinieri, veniva però raggiunto con un pugno alla testa da un terzo giovane, S.T., un 19enne macedone, anche lui di Imola. Per via del pugno sbatteva poi la testa contro un palo, riportando un trauma cranico guaribile in 10 giorni. Arrestati tutti e tre, i giovani ieri mattina si sono presentati in tribunale difesi dagli avvocati Paola Bravi, Giorgio Vantaggiato e Sara Scarpellini. Per loro il giudice ha convalidato gli arresti rimettendoli comunque tutti in libertà in attesa del processo che è stato fissato per il prossimo ottobre.

Intanto continuano le indagini dei carabinieri per accertare l’identità degli altri giovani che hanno partecipato alla rissa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000