Giovedì 08 Dicembre 2016 | 03:08

CONCESSIONE PER 20 ANNI

Zangaglia e Monaco vincono l'asta: il Marinabay è loro

Il bagno più grande della spiaggia di Marina resta in mani ravennati

Zangaglia e Monaco vincono l'asta: il Marinabay è loro

Alessandro Zangaglia

RAVENNA. Il Marinabay passa di mano, ma resta di proprietà ravennate. Per i prossimi vent’anni lo stabilimento balneare sarà infatti nella mani della cordata romagnola risultata vincente (84,2 punti) su Symposion srl di Bergamo (68,3). Al gruppo ravennate, nel quale figurano fra gli altri il Bbk di Alessandro Zangaglia e Carlo Monaco del bagno White beach, ora il compito di mettere le mani su un’area di 14.412 metri quadrati che, come un tempo, somma la doppia natura di stabilimento balneare e di esercizio pubblico di somministrazione di alimenti e bevande. Nessuna dichiarazione ufficiale per i soci che come assicura Carlo Monaco si prenderanno qualche giorno per pianificare strategie e calibrare le modalità del rilancio della sfortunata struttura, nata a cavallo del nuovo millennio sulle ceneri del bagno Nello, frutto dell’unificazione con il bagno Lido, nel 2013 posta sotto sequestro preventivo, oggetto delle attenzioni della ’Ndrangheta, secondo le ipotesi dell’inchiesta Aemilia e poi vandalizzato prima e dopo alcune aste fallimentari. Solo la settimana scorsa la cordata ravennate aveva lamentato i tempi lunghi dell’assegnazione con Carlo Monaco pronto ad assicurare il massimo impegno nel ridare vita al Marinabay con un investimento che supera i 500 mila euro. La struttura una volta tornata in attività tutto l’anno e non solo nel periodo estivo potrà dare lavoro a 30 - 40 persone. Al momento la tempistica prevede 60 giorni per eventuali ricorsi, al termine dei quali i nuovi assegnatari potranno presentare agli uffici tecnici comunali il progetto di riqualificazione dello stabilimento per le necessarie autorizzazioni. Solo a quel punto, quindi non prima di settembre, potrà partire il cantiere per quello che nelle intenzioni della cordata ravennate dovrebbe diventare lo stabilimento più bello d’Italia con un’attenzione particolare al tema del benessere, della sostenibilità, delle attività sportive da spiaggia, della ristorazione e dell’intrattenimento. Alessandro Zangaglia anima del Bbk di Punta Marina, ideatore del Santa Fè e del Mowa con il Marinabay amplierà così l’offerta balneare e turistica alle porte della località. Ma per vedere l’inaugurazione bisognerà attendere la primavera del 2016, una meta non poi così lontana visto i tanti lavori necessari e le ambizioni dei vincitori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000