IL NUOVO ESECUTIVO

Nel Governo di Renzi anche l'imolese Giuliano Poletti

Il presidente nazionale di Legacoop avrà la deleghe al Lavoro e alle Politiche sociali

Nel Governo di Renzi anche l'imolese Giuliano Poletti

ROMA. Il presidente del Consiglio incaricato Matteo Renzi dopo l’incontro col presidente della repubblica Giorgio Napolitano, durato oltre due ore e mezza, ha diffuso l’elenco dei nuovi ministri del nuovo governo. C’è anche l’imolese Giuliano Poletti, presidente nazionale di Legacoop e dell’Assemblea delle cooperative.

Eccoli.

Ministri con portafoglio: Affari Esteri Federica Mogherini, Interno Angelino Alfano, Giustizia Andrea Orlando, Difesa Roberta Pinotti, Economia e Finanze Pier Carlo Padoan, Sviluppo economico Federica Guidi, Politiche agricole alimentari e forestali Maurizio Martina, Ambiente Gianluca Galletti, Infrastrutture e trasporti Maurizio Lupi, Lavoro e politiche sociali Giuliano Poletti, Istruzione università e ricerca Stefania Giannini, Beni e attività culturali e turismo Dario Franceschini, Salute Beatrice Lorenzin,

Ministri senza portafoglio: Riforme costituzionali e rapporti col parlamento Maria Elena Boschi, Semplificazione e pubblica amministrazione Marianna Madia, Affari regionali Maria Carmela Lanzetta.

Sottosegretario alla presidenza del Consiglio Graziano Del Rio,

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 2500

  • Cristina

    23 Febbraio @ 18.19

    La prego di non voler cancellare gli ammortizzatori sociali, sono l'unica garanzia per i 50enni in CIGO e CIGS. La Legge Fornero ci ha MASSACRATI, con l'aiuto degli ammortizzatori cerchiamo di avvicinarci all'eta' pensionabiule, non si puo' pensare di buttare all'aria 30 anni di lavoro!!! Renzi parla di assegno minimo garantito, ma vi rendete conto?? dopo due anni a 600 euro al mese SENZA CONTRIBUTI cosa faremo??? SENZA LAVORO, SENZA AMMORTIZZATORI, SENZA PENSIONE: ma ci volete morti insieme alle nostre famiglie? Rivedete la Legge Fornero per carita', quella donna ha indotto la gente al suicido, metteteci un rimedio quanto prima. Non possiamo pagare per gli errori che nemmeno abbiamo commesso, questa è una proprio una vigliaccata. CI AIUTI!!!!

    Rispondi

  • 22 Febbraio @ 09.26

    Renzi non poteva essere piu' neo-democristiano di cosi'. Non contento di aver piazzato le sue "tre grazie"e Franceschini, ha voluto includere nella squadra di governo,con la sua dubbia disilvoltura ,il braccio destro di Casini,riuscendo persino a far dire a Napolitano di lui "non metterei la mano sul fuoco...spero solo ..."

    Rispondi

Corriere Romagna (©) - 2017