Martedì 06 Dicembre 2016 | 15:01

ATTESA FEBBRILE PER IL CONCERTO

Notte in coda al freddo per i fan del Liga a caccia del biglietto

In fila da ieri pomeriggio sperando di essere tra i primi all'apertura del botteghino

 Notte in coda al freddo per i fan del Liga a caccia del biglietto

IMOLA. «Certe notti», le passi all’addiaccio aspettando il Liga.

E’ infatti scattata la corsa al biglietto per il concerto di Luciano Ligabue, in programma lunedì sera al PalaRuggi. Ed è scattata in anticipo: i cancelli del palazzetto si apriranno solo stamane alle 8, eppure fin da ieri pomeriggio le transenne di fronte all’ingresso sono state prese d’assalto. Plastica a terra contro l’umidità e la pioggia, sacco a pelo sulle spalle, zainoni pieni di calzini asciutti e maglioni di ricambio e qualche panino per fermare la fame: eccoli i fan del Liga pronti a tutto per accaparrarsi un tagliando. Anche alla pioggia attesa nelle prossime ore.

E questa è solo la corsa alla prenotazione. Sì, perché per tutti gli appuntamenti del “Mondovisione Tour - Piccole città”, circuito nel quale rientra anche la data imolese di lunedì, non ci saranno prevendite on-line, né circuiti di vendita tradizionali. A tre giorni dal concerto, infatti, l’organizzazione che fa capo direttamente al team del cantante di Correggio allestisce la struttura che servirà per prenotare i biglietti e quindi comprarli. Ma stamane li si prenota solamente.

I battenti del PalaRuggi aprono alle 8, mentre la vendita vera e propria andrà avanti dalle 11 alle 18: stamattina si potrà solo ritirare il tagliando cartaceo con il numero di prenotazione e poi via alla fila per l’acquisto del vero e proprio biglietto. Con un tagliando, si possono comprare al massimo due ticket. Costo unico, 50 euro (compreso il prezzo della prevendita).

Solo nel caso in cui i posti non andassero esauriti nella giornata di oggi, dalle 16 di domani ci sarà il via libera alla vendita online sul sito www.ticketone.it, ma con le anticipazioni di ieri, pare impossibile che l’ipotesi possa realizzarsi.

I primi fan hanno cominciato ad appostarsi di fronte al palazzetto già a metà di ieri pomeriggio. Zaini e visi contenti, come a voler ignorare la notte all’addiaccio. L’età media non supera i vent’anni: vero che i concerti di Liga son per tutti, ma per un posto nel paradiso del PalaRuggi, non tutti possono permettersi di affrontare le fatiche di una notte all’aperto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000