IMOLA

Fontanelice, cittadini mobilitati per “curare” la collina e recuperare la Croce

Weekend di lavoro per i volontari di Enduro Motor Valley; in “campo” anche famiglia dal Sudafrica

15/08/2018 - 19:45

Fontanelice, cittadini mobilitati per “curare” la collina e recuperare la Croce

FONTANELICE. Dopo inverno e primavera dedicati a riaprire i sentieri nei boschi devastati dalle pesanti nevicate, l’attenzione dei volontari di Enduro Motor Valley si è spostata alla zona di Monte Penzola sulla Vena dei Gessi. E all’intervento che si è sviluppato durante lo scorso weekend ha preso parte anche la famiglia Ciocca, dal nonno ai nipoti, che si sono trasferiti di recente dal lontano Sudafrica alla vallata dell’Imolese.

Cittadini mobilitati

«Molti abitanti della zona – spiega l’imprenditore fontanese Corrado Collina – ci hanno sollecitato ad intervenire per recuperare la Croce che, dalla cima di Monte Penzola, sovrastava la parte centrale della nostra vallata, ma che era stata divelta dal vento dello scorso autunno ed era precipitata nella scarpata sottostante». Con un intervento guidato da Stefano Manara esperto del settore sollevamenti, la Croce è stata riportata sul cucuzzolo e messa in sicurezza, ora si tratterà di ricollocarla in posizione verticale.

Nella stessa zona, a poche centinaia di metri in linea d’aria, c’è il giovane boschetto che nel 2012 gli operatori di Emv avevano piantato in collaborazione con l’Ente Parco Vena dei Gessi Romagnoli. «Ogni due anni passiamo a ripulire le varie ginestre, aceri e cespugli dalle erbacce – spiega Matteo Gavanelli – in modo che la crescita sia migliore. Indubbiamente il risultato è ottimo ed il pendio che era franato ora è protetto dalle essenze specifiche che mettemmo a dimora».

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c