logo_extra Extra è il magazine estivo del Corriere Romagna dal 1994

IMOLA

Il centro si riempie per Imola in musica. «La cultura va garantita»

La neo sindaca Manuela Sangiorgi: «Si conferma la bontà di un format ormai consolidato dal punto di vista della proposta qualitativa»

02/07/2018 - 16:53

Il centro si riempie per Imola in musica. «La cultura va garantita»

IMOLA. È un bilancio decisamente positivo quello della ventitreesima edizione di Imola in musica, che «conferma la bontà di un format ormai consolidato dal punto di vista della propria proposta qualitativa», commenta Manuela Sangiorgi, neo prima cittadina.

Appuntamenti molto seguiti

Tracciando un bilancio della manifestazione, si può parlare di un’edizione ancora molto positiva e partecipata, nonostante si sia svolta praticamente un mese più in avanti, ad estate avviata. Una riprova che la città sente molto vicina Imola in musica e che ha fatto proprio lo slogan di questa edizione “Vivi il festival!”. La musica che diventa festa, partecipazione, condivisione, passione e positività.

E così tutti gli appuntamenti, dai più grandi ai più piccoli, sono stati seguiti, applauditi, documentati. Che fossero di artisti nazionali e straconosciuti o che fossero di giovani emergenti o allievi delle nostre scuole di musica, che fossero proposti sui palchi delle piazze principali o in strada e nei piccoli cortili.

Appuntamenti particolari

Come non citare il meraviglioso concerto all’alba al parco “Tozzoni” di ieri, dove cinquecento persone sedute sull’erba del “pratone” hanno ascoltato gli archi e il clavicembalo del Dipartimento d’archi dell’Accademia pianistica internazionale eseguire le Quattro stagioni di Vivaldi.

Una menzione del tutto speciale a Ciricoccola, produzione originale di Imola in musica, una fiaba tradizionale romagnola musicata e arrangiata dal jazzista Eugenio Colombo e diretta da Roberto Bartoli, con esecuzione della “Vbob-Vassura Baroncini Open Band”, in collaborazione col Combo Jazz Club e la partecipazione dell’artista-narratore Massimo Golfieri.

Da ricordare anche la Mostra del disco usato e da collezione, per la prima volta proposta all’interno del festival nella galleria del Centro cittadino.

Ruolo primario della cultura

«Continueremo a lavorare per garantire alla cultura, in tutte le sue forme, un ruolo di primaria importanza nella nostra città», aggiunge la sindaca Sangiorgi. «Ringrazio personalmente tutti gli artisti che hanno partecipato, i tanti volontari all’opera per la buona riuscita della manifestazione, i partner sostenitori e l’efficiente macchina organizzativa comunale». l.b.

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c