IMOLA

Redditi dei politici: i paperoni imolesi sono Linguerri e De Marco

Rese note le dichiarazioni dei redditi 2017 relativi all'anno d'imposta 2016 degli ormai ex consiglieri, assessori e sindaco

Redditi dei politici: i paperoni imolesi sono Linguerri e De Marco

IMOLA. Romano Linguerri per il consiglio comunale e Antonio De Marco per la giunta. Sono stati loro i due “paperoni” di piazza Matteotti nel 2016. Lo dicono le dichiarazioni dei redditi 2017 relativi all’anno d’imposta 2016 che (oggi ex) consiglieri, assessori e sindaco hanno consegnato in Comune nell’autunno scorso per la trasparenza amministrativa.

Giunta comunale

In testa per la giunta, secondo in assoluto solo a Linguerri, si conferma Antonio De Marco con un imponibile di 113.773 euro. A seguire il collega Pierangelo Raffini con 94.193 euro e il sindaco Daniele Manca con 54.265 euro. Più staccato il vicesindaco Roberto Visani con 33.776 euro. Seguono poi, tutti con lo stesso imponibile di 27.576 euro, Giuseppina Brienza, Elisabetta Marchetti e Davide Tronconi. Chiude la “classifica” per la giunta Annalia Guglielmi con 11.002 euro.

Gli over 30mila

Passando al consiglio comunale Romano Linguerri di Fornace Viva, chirurgo dell’Ausl imolese, con 116.981 euro si mantiene alla vetta dell’emiciclo di piazza Matteotti. A completare il podio troviamo in seconda posizione Laura Bertozzi del Pd con 68.119 euro e in terza Alessandro Mirri (all’epoca alfiere di Ncd e poi passato ad Alternativa Popolare) con 65.899 euro. Quarto posto per Paola Lanzon, all’epoca del Pd, LeU da fine 2017, con 61.541 euro. Sonia Manaresi (Pd) ha dichiarato 39.683 euro, mentre Daniele Baraccani del Movimento 5 Stelle 36.947.

Tra i 30mila e i 20mila

Sotto i 30mila euro si attesta un altro pentastellato, Patrik Cavina, con 27.286 che nel 2016 ha visto mutare la sua situazione patrimoniale con l’ampliamento della sua prima casa. Variazioni anche per Simone Carapia. L’ex portacolori di Forza Italia (dall’estate scorsa passato in quota Lega Nord), che ha un imponibile di 23.751 euro, ha acquistato una Suzuki Sv 650. A seguire le due donne del Movimento 5 Stelle Manuela Sangiorgi (23.126 euro) e Claudia Resta (22.351 euro) e poco dopo il quartetto dem Pietro Taraborrelli (22.152 euro), Marco Panieri (21.587 euro), Mario Peppi (21.445), Daniele Spadoni (21.004 euro).

Gli under 20mila

Tra chi ha un imponibile tra i 20mila e i 10mila euro troviamo gli esponenti del Pd Claudia Cavina (19.341 euro), il capogruppo Marcello Tarozzi (16.165 euro) e Roberto Grementieri (12.349 euro). Quest’ultimo ha segnalato che a inizio 2017 ha acquistato una Fiat Panda del 2007. Sotto i 10mila euro si trova Federica Degli Esposti, con un’imponibile di 7.034 euro. Anche lei rendiconta una variazione del suo stato patrimoniale dovuta all’acquisto di una Diacia Sandero. L’elenco dei consiglieri si completa con Claudio Frati del M5S (6.021 euro euro), Giacomo Gambi del Pd (4.610 euro), Giorgio Laghi di Imola Migliore-Sel (1.912 euro), Domenico Errani (allora consigliere Pd, formazione che ha lasciato l’anno scorso per LeU, (1.450 euro) e Giulia Barelli del Pd (1.407 euro). Nicolas Vacchi di Forza Italia, che fece il suo debutto in consiglio con Insieme si vince nel febbraio 2016 subentrando ad Andrea Zucchini, non ha presentato alcuna dichiarazione in quanto ancora studente.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402