IMOLA

La Giunta Manca ai saluti finali. Domani atteso il commissario

Oggi a mezzanotte scadono i 20 giorni dopo l'annuncio delle dimissioni del primo cittadino e con lui decadono tutti gli assessori

24/01/2018 - 15:23

La Giunta Manca ai saluti finali. Domani atteso il commissario

Adriana Cogode

IMOLA. Ultima giornata del secondo mandato da primo cittadino di Imola, quella di oggi, per Daniele Manca. Le dimissioni dal proprio incarico presentate alla presidente del Consiglio comunale Paola Lanzon, al Segretario generale del Comune Simonetta D’Amore e all’aula il 4 gennaio scorso, infatti, diventeranno «efficaci e irrevocabili» alla mezzanotte di oggi, «trascorso il termine di venti giorni» dall’annuncio, come indicato dall’articolo 53 del Tuel-Testo unico degli enti locali.

E si attende per domani l’arrivo in città del commissario prefettizio, che come anticipato dal Corriere Romagna sarà Adriana Cogode, attualmente viceprefetto vicario presso la Prefettura di Bologna. La legge prevede che il commissario prefettizio assuma tutti i poteri del sindaco, del Consiglio comunale e della Giunta, di carattere sia ordinario che straordinario.

Scioglimento Consiglio

La prima conseguenza diretta delle dimissioni del sindaco, infatti, sarà lo scioglimento del Consiglio comunale, dopo l’ultima seduta convocata lunedì scorso. Ultimo atto ufficiale della presidenza del Consiglio, l’organizzazione dello spettacolo Voci della Shoah degli studenti del liceo scientifico “Luigi Valeriani” al teatro “Ebe Stignani”, ieri sera, nell’ambito delle celebrazioni in occasione della Giornata della memoria.

Decadenza degli assessori

Ulteriore effetto delle dimissioni del sindaco, la decadenza dei sette assessori che compongono la sua Giunta, che si è riunita per l’ultima volta ieri mattina. Gli ultimi impegni istituzionali sono stati affidati al vicesindaco Roberto Visani, che ha introdotto lo spettacolo di ieri sera e che oggi pomeriggio parteciperà a un incontro dedicato alla legislazione sul “Dopo di noi” all’istituto “Santa Caterina”.

Nomina del commissario

Con lo stesso decreto di scioglimento del Consiglio comunale, adottato dal presidente della Repubblica su proposta del ministro dell’Interno, al termine di una procedura avviata dal prefetto competente per territorio, verrà nominato il commissario prefettizio. Esattamente come è accaduto a seguito delle dimissioni di Massimo Marchignoli nel 2008, con la designazione a commissario prefettizio di Matteo Piantedosi (attualmente alla guida di palazzo “Caprara”, ndr), sarà ancora una volta il viceprefetto vicario ad assumere questo incarico.

Durata commissariamento

La procedura di commissariamento terminerà con le elezioni amministrative, che nel caso di Imola saranno fissate tra fine maggio e inizio giugno.

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c