IMOLA

Molestie in biblioteca a Imola, ragazza palpeggiata. Scattano le denunce

13/01/2018 - 16:07

Molestie in biblioteca a Imola, ragazza palpeggiata. Scattano le denunce

IMOLA. «Papà, mentre ero in biblioteca quello là dell’altra volta mi ha toccato di nuovo il sedere come l’altra settimana, cosa debbo fare?». «Chiama subito i carabinieri e arrivo». È quanto una ragazza imolese ha riferito al padre dopo l’inquietante episodio che si sarebbe verificato verso le 11 di giovedì scorso nell’area delle macchinette del caffé, che ovviamente a turbata la ragazza.

Indignazione

«Sentire questa frase da una ragazzina fa salire il sangue alla testa perché è intollerabile e perché cominciano così quasi per gioco le peggiori vicende di abusi femminili» è il commento indignato del padre della studentessa, sottolineando che il fatto sia avvenuto nella quasi indifferenza di altri ragazzi. E per di più l’episodio non è isolato. Era già accaduto, stando al racconto, circa 8 giorni fa nelle medesime condizioni nei confronti della stessa ragazza. E ancora due giorni fa ai danni di un’altra ragazza.

«Qualche urla di protesta, una reprimenda dopo la lamentela con gli addetti della biblioteca e tutto come prima – lamenta il padre -. Uno straniero che da tempo staziona in biblioteca, fuma all’interno, entra nel bagno delle donne e tiene da troppo tempo altre condotte intollerabili – riporta -. I carabinieri sono intervenuti immediatamente portando il soggetto in caserma per l’identificazione e i provvedimenti del caso. Si tratta di una persona da tempo a Imola ma senza alcuna fissa dimora e nullafacente. Sono state sporte due denunce per i fatti accaduti».

Episodi da non sottovalutare

Per il padre della ragazza episodi del genere non devono essere in nessun modo sottovalutati. «Ritengo che sia un nostro dovere non tollerare più condotte che disprezzano le persone, quelle più indifese da chiunque siano poste in essere, italiani e non. Il senso comune è di impotenza e la risposta di tutte le persone con cui ho parlato ieri, da chi addetto alla biblioteca, ai ragazzi frequentanti, alle forze dell’ordine, è sempre la stessa: ma cosa possiamo fare?».

Garantire la sicurezza

«In un luogo pubblico e gestito dal Pubblico, deputato prevalentemente a ragazzini e giovani, garantire la sicurezza e la tranquillità è un dovere di ogni soggetto: chi gestisce, chi deve controllare, chi viene chiamato per farlo ma anche chi fruisce. La nostra parte l’abbiamo fatta senza timori – conclude il papà indignato – e senza giocare allo scarica barile delle competenze altrui, tutti dovranno fare lo stesso: è una forma di rispetto dei cittadini, di noi stessi».

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c