IMOLA

Chiuso dopo il caso dei maltrattamenti, ora l'asilo vuole riaprire i battenti

Il Comune nega l'autorizzazione e la nuova società si oppone presentando un ricorso al Tar

Chiuso dopo il caso dei maltrattamenti, ora l'asilo vuole riaprire i battenti

IMOLA. Punta a riaprire i battenti, con un nuovo nome -“L’aquilone”- e una nuova società di gestione alle spalle, il piccolo gruppo educativo di via Montecatone a Imola finito al centro delle cronache giudiziarie a seguito degli episodi di maltrattamenti dei bambini ospiti della struttura denunciati da tre famiglie.

L’Amministrazione, però, nega la propria autorizzazione. E la società porta il Comune davanti al Tribunale amministrativo regionale dell’Emilia-Romagna.

La vicenda

Non sono trascorsi neanche due anni - era l’ottobre del 2016 - da quando il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bologna ha disposto il sequestro preventivo dell’allora piccolo gruppo educativo “I cuccioli”. E nemmeno uno - era il febbraio dello scorso anno - da quando la titolare, finita a processo con l’accusa di maltrattamenti aggravati su minori, ha patteggiato un anno e dieci mesi con il beneficio della sospensione condizionale della pena, considerando che si trattava di una persona incensurata.

E’ soprattutto per queste motivazioni che, di fronte alla richiesta di riaprire il piccolo gruppo educativo in quegli stessi locali presentata da una nuova società, via Mazzini decide in maniera convinta di non concedere il proprio via libera, valutando che non sussistano le condizioni per svolgere regolarmente l’attività (pur trattandosi di una struttura completamente privata e non convenzionata con l’Amministrazione, per il piccolo gruppo educativo è comunque necessario ricevere l’autorizzazione da parte del Comune, ndr).

Il ricorso

Una decisione contro cui “Arcobaleno srl”, rappresentata dall’avvocato Andrea Giglio, ha depositato un ricorso al Tar il 18 dicembre scorso.

E via Mazzini, ferma sulle proprie posizioni, dieci giorni più tardi ha deciso di affidare all’avvocato Silva Gotti l’incarico di rappresentarla, «valutato opportuno costituirsi in giudizio innanzi al Tar Emilia-Romagna di Bologna per la difesa degli atti e dell’operato del Comune di Imola e per evitare gravi danni al Comune di Imola», si legge nella determinazione dirigenziale firmata dalla Responsabile dell’area “Gestione e sviluppo del territorio” Federica Degli Esposti, dopo aver raccolto i pareri favorevoli espressi sulla proposta di resistenza in giudizio dall’assessore alla Scuola Giuseppina Brienza, dall’assessore allo Sviluppo economico Pierangelo Raffini e dal primo cittadino Daniele Manca.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2017