Sabato 21 Ottobre 2017 | 19:38

SCUOLA E MONDO DEL LAVORO

Scarabelli e Cevico insieme per produrre vini di qualità

Per i prossimi dieci anni il gruppo cooperativo lughese collaborerà nella produzione di vini di alta gamma, la sperimentazione e l'insegnamento ad indirizzo viticolo-enologico

 Scarabelli e Cevico insieme per produrre vini di qualità

IMOLA. «Consegniamo a persone esperte e competenti la nostra professionalità allo scopo di valorizzare la nostra cantina». Con queste parole Maria Benedetta Borini, dirigente scolastica dell’Istituto Agrario Scarabelli, ha presentato il progetto, già partito, con il gruppo Cevico di Lugo. «Scuola e mondo del lavoro insieme per valorizzare le risorse umane». Un accordo “benedetto anche dagli assessori all’agricoltura (regionale e comunale) Tiberio Rabboni ed Elisabetta Marchetti. Un investimento che, come ha puntualizzato Ruenza Santandrea, presidente di Cevico, «per noi ha anche una forte valenza sociale».

Cevico e lo Scarabelli gestiranno assieme la cantina didattica della scuola imolese. Per i prossimi dieci anni il gruppo cooperativo lughese collaborerà nella produzione di vini di alta gamma, la sperimentazione e l’insegnamento ad indirizzo viticolo-enologico.

Il gruppo Cevico è un consorzio cooperativo che associa oltre 5.000 famiglie di viticoltori, con 6.700 ettari di vigneto e 1,3 milioni di quintali di uva vinificata. Il progetto è finalizzato ad un ulteriore sviluppo della produzione in Romagna di vini di alta gamma. Dal canto suo lo Scarabelli festeggia i suoi 130 anni di storia nello studio dell’agricoltura in generale, e nello sviluppo del settore agroalimentare in particolare, con i suoi tre indirizzi di gestione dell’ambiente e del territorio, produzione e trasformazione e viticoltura ed enologia. Proprio il settore vitivinicolo ha visto l’istituto imolese premiato al Vinitaly con la produzione di tre vini d’eccellenza e con questi vincitore della Rassegna dei migliori vini tra tutti gli Istituti Agrari d’Italia. Con i suoi 20 ettari di terreno, lo Scarabelli è orientato ad una sempre più qualificata ed innovativa ricerca delle produzioni agrarie e con questo spirito e con queste caratteristiche si è sempre confrontato con le migliori aziende, università, produttori e forme associative del territorio, quali motori di sviluppo di nuove opportunità, per formare studenti e tecnici altamente qualificati e preparati per il mondo del lavoro.

Cevico rappresenta il 30% della produzione del vino in Romagna, il 17% del vino in Emilia Romagna e il 2,7% del vino in Italia. Il bilancio sociale del gruppo cooperativo lo scorso anno si è chiuso con un incremento del 17% del fatturato, pari a oltre 150 milioni di euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000