Martedì 27 Settembre 2016 | 10:42

ORDINANZA DEL SINDACO

Obbligatoria la lotta alla processionaria dei pini

Sanzioni a chi non si adegua

Obbligatoria la lotta alla processionaria dei pini
IMOLA. Sanzioni da 25 a 500 euro per chi non rispetta l’ordinanza emessa dal sindaco sulla lotta alla processionaria, l’insetto pericoloso per piante, animali e uomini.
Nei giorni scorsi è scattata la lotta obbligatoria alla “Processionaria del pino”. L’ordinanza impone ai proprietari o conduttori di aree verdi di intervenire laddove siano presenti infestazioni di processionaria del pino, stante il potenziale rischio di danno alla salute delle persone e agli animali».
La processionaria è un lepidottero che causa gravi defogliazioni, fino a indebolire le piante, poiché ghiotto degli aghi dei pini e dei cedri. Trascurando tali infestazioni si favorisce la continua proliferazione di questo insetto sull’intero territorio comunale. Da qui «la necessità di adottare idonei provvedimenti in via cautelativa - a tutela della salute pubblica - per contrastarne lo sviluppo e la diffusione al fine di evitare, per quanto possibile nella stagione primaverile con la discesa delle larve l’insorgenza di sintomatologie allergiche in persone ed animali che dovessero entrare in contatto con le larve e i peli urticanti» delle larve stesse.
L’ordinanza impone a tutti i proprietari/conduttori di aree verdi e agli amministratori di condominio che abbiano in gestione aree verdi sul territorio comunale di fare tutte le opportune verifiche ed ispezioni degli alberi delle aree verdi al fine di accertare l’eventuale presenza di nidi della “Processionaria del pino” (i nidi si presentano normalmente in forma di grosse masse simili alla seta di color bianco-grigio e sono localizzati soprattutto sui rami più alti ed esterni). Devono inoltre provvedere, laddove sia riscontrata tale presenza, all’asportazione meccanica mediante taglio dei rami infestati con nidi di processionaria ed alla successiva bruciatura, avendo cura di operare con la massima cautela per evitare il contatto con i peli urticanti delle larve. In caso di infestazione estesa sono ammessi trattamenti con bio insetticidi che contengono un larvicida biologico selettivo. Non vanno depositati rami con nidi di “Processionaria del pino” sulla pubblica via, non smaltirli tramite i servizi di nettezza urbana e, più in generale, nelle varie frazioni di rifiuti a circuito comunale, nonché tramite il deposito in discarica. La lotta obbligatoria alla “Processionaria del pino” (meccanica, microbiologica e chimica), va fatta operando nel periodo autunnale e invernale verifiche della presenza di nuovi nidi ed alla loro asportazione. Tutte le operazioni devono avvenire in sicurezza, mediante una ditta specializzata con operatore munito di appositi dispositivi di protezione individuale: tuta, mascherina, guanti, occhiali protettivi ecc., ed idonea strumentazione.
A verificare che l’ordinanza sia applicata sono l’Asl di Imola, la polizia municipale, i tecnici dell’Ufficio Ambiente del Comune ed il Corpo Guardie Ambientali Metropolitane. In caso di inottemperanza verrà applicata la sanzione prevista.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000