Mercoledì 28 Settembre 2016 | 19:03

LA PROTESTA DEL SEGRETARIO SAP

Tonelli ricoverato dopo 43 giorni di digiuno

Soccorso in piazza Montecitorio, ora i colleghi portano avanti la sua battaglia

Tonelli ricoverato dopo 43 giorni di digiuno

ROMA. Dopo 43 giorni di sciopero della fame e 18 chili in meno, Gianni Tonelli è crollato. Il segretario generale del Sap, imolese, è svenuto ieri mattina in piazza Montecitorio nei pressi del gazebo Sap dove da tempo porta avanti la sua protesta. Tonelli ha avuto un mancamento ed è stato trasportato in ambulanza al pronto soccorso dell’ospedale Santo Spirito di Roma dove è tutt’ora ricoverato e dove gli stanno somministrando delle flebo per sostenerlo. Nel frattempo la sua battaglia verrà portata avanti da una staffetta di colleghi.

«Ha sopportato i patimenti di 43 giorni di sofferenza fisica - si legge in una nota del sindacato autonomo di polizia - ma il dolore più grande è stata l’indifferenza delle autorità di Governo ed in particolare del presidente del Consiglio Matteo Renzi e del Ministro dell’Interno Angelino Alfano oltre al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella a cui è stato inviato, a più riprese, un accorato appello. A nulla è valso che un servitore dello Stato abbia messo la propria salute e la propria vita nelle mani di chi ha la responsabilità della sicurezza e del vivere civile del nostro paese. Prestare attenzione allo sciopero della fame di Gianni Tonelli avrebbe significato prendere atto delle gravi responsabilità contestate - prosegue il Sap - Queste ultime, tra l’altro, sono state oggetto di una apposita denuncia alla Procura della Repubblica contro il Capo della Polizia Alessandro Pansa e il Questore di Roma Nicolò D’Angelo per aver sospeso con false motivazioni un agente di Polizia, già proposto per una promozione per merito straordinario, messo a mezzo stipendio con una figlia di 6 anni a carico». La battaglia di Tonelli per difendere il collega sospeso e per denunciare le condizioni di lavoro degli agenti di polizia non comunque non si ferma. «Quanto accaduto è gravissimo ed è per questo che le Istituzioni hanno preferito ignorare la forte protesta civile e pacifica di Gianni Tonelli - afferma il Sap - La nostra non è un a democrazia commissariata e i poliziotti sono uomini liberi che hanno prestato giuramento alla Costituzione e non al “Mandarino” di turno. Per questo il Sap raccoglierà il testimone del sacrificio del suo Segretario e continuerà lo sciopero della fame organizzando una staffetta tra poliziotti, sempre in piazza Montecitorio, davanti al tempio della nostra democrazia, per diffondere la consapevolezza della gravità di quanto accaduto».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000