Giovedì 08 Dicembre 2016 | 23:08

IL VOLO DI NICKY

Cavalla scivola nel calanco: salvata dall'elicottero

Allarme lanciato da un altro quadrupede che sembrava impazzito

Cavalla scivola nel calanco: salvata dall'elicottero

IMOLA. I Vigili del fuoco salvano una cavalla finita in un calanco, con l’ausilio dell’elicottero. L’animale, di proprietà dell’azienda agricola Valsellustra, si era persa giovedì pomeriggio. E’ stata recuperato nella zona tra la Sellustra e la via Croara. «Ci siamo accorti che Nicky non c’era più - racconta Claudia Caboi, titolare dell’azienda Agricola che produce soprattuto formaggi - perchè l’altra cavalla, Pina, era impazzita, è stata lei a dare l’allarme. Correva avanti indietro per avvisarci che Nicky non c’era più. Mio marito e mio figlio si sono messi subito a cercarla ma l’hanno trovata solo alle nove di sera in un calanco. Probabilmente era scivolata giù, forse si era spaventata per qualcosa. Le nostre cavalle girano sempre liberamente intorno all’azienda, è strano che sia successo. Mio marito e mio figlio hanno cercato di tirarla su, ma era impossibile. Non sapevamo come fare, però abbiamo visto che stava bene e che era tranquilla. Siamo stati con lei per diverso tempo, col buio purtroppo non si poteva fare nulla. Stamattina (ieri, ndr) siamo andati da lei molto presto e abbiamo chiamato i vigili del fuoco perchè non sapevamo proprio come tirarla su. Sono arrivati con l’elicottero verso le 8.30, l’hanno imbragata e l’hanno sollevata. Ci è voluto un po’ di tempo però per fortuna è finito tutto bene. Quando me l’hanno riportata mi sono commossa e ho perfino pianto. Ringraziamo i Viglili del fuoco, sono stati davvero bravissimi».

L’intervento di salvataggio del cavallo è durato circa tre ore, sul posto è stato chiamato anche un veterinario che dopo aver constatato che la cavalla non si era ferita scivolando nel calanco, l’ha sedata per farla stare tranquilla durante il “volo”. E così è stato: con molta calma Nicky è stata imbragata e messa in sicurezza, poi lentamente l’elicottero l’ha sollevata e l’ha trasportata al sicuro, nei prati dove è abituata a corre insieme all’inseparabile Pina, che finalmente si è calmata.

«Appena sono tornate insieme si sono messe subito a trotterellare - conclude Claudia Caboi - tutto è tornato come prima. E’ stata una brutta avventura per Nicky, però abbiano avuto il lieto fine e questo è l’importante».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000