Sabato 23 Settembre 2017 | 16:37

Pi� letti oggi

Riccione

Tosi: «Campeggiatori preoccupati ma non possiamo tornare indietro»

Folla da comizio per la sindaca al camping Adria: «Entro gennaio i permessi per costruire»

Tosi: «Campeggiatori preoccupati ma non possiamo tornare indietro»

La sindaca all'incontro coi campeggiatori

RICCIONE. C'era un folla da comizio ieri al camping Adria ad attendere la sindaca Renata Tosi. L’8 agosto scorso i clienti del campeggio, proprietari di casette mobili e roulotte con pre-ingresso, hanno ricevuto una lettera in cui si intima loro di lasciare la struttura entro l’8 ottobre. Motivo? Il camping sarà sottoposto a una riqualificazione radicale, dopodiché cambieranno tutti gli standard e non sarà più ammesso pagare la sola piazzola per posizionarvi sopra una casetta di proprietà.

Duecento famiglie sotto sfratto

Una questione che riguarda circa 200 famiglie, tanto che ieri Renata Tosi ha deciso di andare al campeggio per parlare direttamente con i tanti turisti che da anni scelgono la Riviera come meta delle loro vacanze.

Indietro non si torna

La sindaca, al cui fianco c'erano anche i proprietari del camping, ha comunque ribadito che indietro non si può tornare. «È evidente – spiega – che gli ospiti siano molto preoccupati. Dopo tanti anni trascorsi nelle loro casette e roulotte si sconvolge un po' tutto, sono scombussolati. In questo caso l'interesse particolare prende il sopravvento sul resto. Apprezzano la scelta del Comune e del camping di puntare sulla riqualificazione, è chiaro però che si trovano di fronte a una scelta dura da digerire».

Lavori a gennaio

Sulla possibilità di allungare i giorni del “trasloco” Renata Tosi non ha avanzato particolari concessioni. «Ho confermato i tempi che avevamo definito con il campeggio. Entro fine agosto puntiamo a chiudere la progettazione, entro gennaio arriveranno i permessi per costruire in modo da essere pronti per la prossima stagione. Altro non si può».

Restano a Riccione

Gli ospiti resteranno a Riccione? «Dicono che vogliono rimanere e questo è un segnale sicuramente positivo. Il Comune, però, non ha proprietà tali da ospitare tutte quelle strutture e non possiamo dare risposte imminenti, anche se consideriamo tutte le questioni». La sindaca confida che alla fine «comprendano l'interesse superiore. Per Riccione la riqualificazione è importante. Il nostro obiettivo è rispondere in modo più compiuto ai nuovi standard europei del turismo all'aria aperta».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000