Domenica 22 Ottobre 2017 | 02:52

Bufera a Riccione

Condoni saltati, l'ex camping Fontanelle costretto a chiudere

I proprietari: "Sorpresi dalla severità del provvedimento del Comune. Grave danno"

Condoni saltati, l'ex camping Fontanelle costretto a chiudere

L'ex camping Fontanelle

RICCIONE. Condoni non definiti: il campeggio Romagna è costretto a chiudere i battenti. Mattina di grande agitazione nella zona sud di Riccione dove le forze dell'ordine sono intervenute per la chiusura di un campeggio a seguito di un'ordinanza del Comune di Riccione. "In data odierna l’amministratore delegato di Romagna Gest srl, società del Gruppo di Campeggi Club del Sole - si legge in una nota della società forlivese -, annuncia che si vede costretto, a disporre la chiusura del campeggio Romagna (ex Fontanelle) a seguito di un provvedimento degli uffici comunali preposti che segue la mancata definizione dei condoni del 1986 e 1995 in capo alla proprietà di quel periodo (Eredi Ceschina) che purtroppo di riflesso investe la società di gestione".

La Società del Gruppo Club del Sole, Romagna Gest srl, presente nella gestione della struttura da soli quaranta giorni, dichiara la totale estraneità ai fatti evidenziati e la completa disponibilità, già più volte rappresentata agli uffici comunali, a "concorrere ad una soluzione che possa salvaguardare il personale occupato, l’immagine del campeggio e della Città". “Siamo sorpresi dalla severità del provvedimento - si legge ancora -. I condoni non ancora chiusi sono relativi agli anni 1986 e 1995, e dovrebbero riguardare, per quanto a noi noto, fabbricati adibiti a servizi igienici e pensiline di servizio”, commenta Adriano D’Andrea Ricchi, amministratore delegato di Romagna Gest srl.

La chiusura del campeggio su cui Club del Sole si è impegnato con un grande progetto di ristrutturazione comporterà la chiusura di tutte le attività commerciali collegate: ristorante, bar, market, bazar ed edicola. "La ricaduta sull’occupazione e sull’indotto generato dalle 150 mila presenze attese nel campeggio saranno evidentemente gravi". Auspichiamo che le autorità competenti possano dare credito alla nostra disponibilità e ci permettano di proseguire  quanto prima con l’attività in piena sicurezza per i dipendenti e gli ospiti, e con gli investimenti previsti”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000