IL LUTTO

E' morto Vittorio Tadei

Grande imprenditore impegnato nel sociale

E' morto Vittorio Tadei

RIMINI. Dopo una lunga malattia, la scorsa notte, si è spento l’imprenditore Vittorio Tadei, aveva 82 anni. Fondatore del Teddy group, un impero della moda che tra i marchi vantava tra gli altri Terranova e Calliope. Uomo capace e coraggioso, nella vita aveva raccontato di avere due maestri: don Oreste Benzi, che ne aveva segnato profondamente anche l’attività di imprenditore con uno sguardo verso il sociale, e il figlio Gigi, scomparso qualche anno. «A nome dell’amministrazione comunale di Rimini, esprimo profondo cordoglio per la scomparsa di Vittorio Tadei, protagonista di una straordinaria avventura imprenditoriale e umana, che ha attraversato la storia di questo territorio negli ultimi 70 anni», ha scritto oggi il sindaco di Rimini Andrea Gnassi.

Il marchio internazionale leader Teddy è cresciuto dal piccolo seme del negozio di famiglia, piantato e innaffiato oltre 60 anni fa dal giovane Tadei. Da allora una crescita costante, prorompente, sino a mettere in piedi una multinazionale dell’abbigliamento, molto innovativa sul fronte della distribuzione e del marketing. «A questo ‘miracolo’ economico’ - che è anche una paradigmatica storia di successo riminese, di una Rimini di gente semplice e sincera che, nonostante il successo, continuava a volere mantenere forte e costante il radicamento nei luoghi dove è nata e vissuta - Vittorio Tadei aveva affiancato un fortissimo, instancabile impegno nel sociale e nella scuola. Tutto questo per restituire alla comunità locale quanto la fortuna imprenditoriale gli aveva donato. E questa grande generosità è un merito che Rimini, il suo territorio, la sua gente gli ha sempre riconosciuto e sempre gli riconoscerà».

Insieme alla gratitudine verso Vittorio Tadei, ai famigliari «va tutta la nostra vicinanza in questo momento di grande dolore».

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 2500

Ti potrebbero interessare

Corriere Romagna (©) - 2017