Giovedì 08 Dicembre 2016 | 05:00

STRADA FACENDO

E45-55 rimessa a nuovo da ora al 2020

Piano Anas da 1,6 miliardi per ammodernare il tracciato Orte-Mestre con Cesena snodo chiave

E45-55 rimessa a nuovo da ora al 2020

CESENA. Cinque anni di lavori straordinari per ammodernare la E45-55, lungo l’intero percorso da Orte a Mestre, con un intervento da 1,6 miliardi di euro, che sarà il più importante mai fatto dal momento della realizzazione della superstrada. E in questo quadro, l’impostazione del progetto conferma che Cesena sarà lo snodo chiave di un collegamento strategico.

Risanamento profondo della pavimentazione, nuove barriere di sicurezza e anti-rumore, ammodernamento di viadotti e gallerie, ma anche varianti al tracciato, miglioramento di accessi ed incroci e realizzazione di nuovi impianti tecnologici per assistere gli automobilisti sono le principali opere annunciate da Anas. Una manutenzione in grande stile, di ben altro respiro rispetto alle pezze messe continuamente qua e là.

La prima parte del piano, per un investimento complessivo di 540 milioni, interesserà la E55 nel tratto che va da Cesena a Mestre. E’ stata presentata ieri dal presidente di Anas Gianni Vittorio Armani e dal ministro alle Infrastrutture e Trasporti Graziano Delrio, in occasione dell’apertura al traffico della Tangenziale Ovest di Ferrara. E’ già stata avviata una prima gara d’appalto da 55 milioni di euro, che riguarda sia la E45 che la E55: di questi, 21 milioni riguardano la zona tosco-romagnola. Nel 2016 sono previsti nuovi bandi per un piano di riqualificazione e potenziamento che toccherà l’intero itinerario, pari a 245 milioni di euro, di cui 105 milioni per la E55.

Armani ha evidenziato che «è il più importante investimento mai destinato a questa infrastruttura, che presenta caratteristiche sostanzialmente non aggiornate dal dopoguerra. A breve presenteremo un analogo piano da oltre 1 miliardo di euro per la tratta E45 da Orte a Cesena, per dare unitarietà agli interventi sull’intera direttrice nord-sud, che collegherà l’Est Europa al porto di Civitavecchia, in fase di ampliamento».

La posizione baricentrica di Cesena esce rafforzata da questo disegno, prefigurando grandi opportunità per il territorio, anche dal punto di vista economico (a partire dai settori della logistica e dei trasporti). A fare da cerniera tra le due parti in cui è articolato il progetto sono infatti proprio gli svincoli cesenati.

L’itinerario E55 da Cesena a Mestre, che sarà il primo ad essere cantierato (con un investimento di 540 milioni), è costituito per 21 km dalla strada statale 3bis “Tiberina” fino a Ravenna, per 8 km dalla Ss16 “Adriatica” e per 127 km dalla strada statale 309 “Romea”. Lungo l’itinerario sono presenti 492 ponti e viadotti per uno sviluppo complessivo di 28,5 km, 65 gallerie per complessivi 27,5 km. e 80 svincoli.

Nel dettaglio, nel primo tratto da Cesena a Ravenna (29 km. a quattro corsie su due carreggiate separate) saranno eseguiti interventi di risanamento della pavimentazione, miglioramento della segnaletica e delle barriere di sicurezza e si realizzeranno barriere anti-rumore e pannelli tecnologici per l’assistenza e l’informazione ai clienti stradali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000