Domenica 04 Dicembre 2016 | 21:20

TRAFFICO INTERNAZIONALE

Incroci con i lupi per cani più aggressivi

Tra le decine di denunciati dalla Forestale anche un'allevatrice riminese di 59 anni

Incroci con i lupi per cani più aggressivi

RIMINI. Lupi cecoslovacchi incrociati con lupi selvaggi per dar vita a una super razza di cani domestici. C’è anche una allevatrice riminese, tra le persone finite nel mirino del Cites-Corpo forestale dello Stato che ha sgominato un’organizzazione criminale con vertice nell’Europa dell’Est e proseliti in molte città del Belpaese.

Decine gli esemplari incrociati sequestrati, gran parte trovati in un allevamento sull’appenino Toscoemiliano.

Alla 59enne riminese la Forestale nella perquisizione della sua casa di Miramare, non hanno trovato cani “geneticamente” modificati ma solo due splendidi esemplari di lupo cecoslovacco. A lei sono arrivati monitorando un sito “specializzato” in questa “clonazione” dove aveva scambiato messaggi e informazioni con uno degli organizzatori del traffico. Interrogata, assistita dall’avvocato Marco De Pascale, si è avvalsa della facoltà di non rispondere. Il reato che le viene contestato è quello di importazione illegale dilupi grigi e di detenzione (sulla scorta delle foto trovate nel suo cellulare) senza autorizzazione della prefettura di lupo selvatico.

A regolare questo mondo c’è la Convenzione di Washington che tutela gli esemplari entro le quattro generazioni e definisce illegali questi incroci. Per la loro detenzione ci vuole un certificato, che gli allevatori illegali non forniscono. I lupi-cane evoluzione impazzita del Mutara sono considerati animali molto pericolosi.

La storia. Il primo incrocio è stato realizzato nella Repubblica Ceca nel 2002. Tre lupi selvaggi vennero inseriti in un allevamento di cani lupo cecoslovacchi, i bellissimi e sufficientemente aggressivi Mutara, esemplari già frutto di incrocio, a forte istinto territoriale, difficili da gestire. Gli sperimentatori temevano che l'animale da preda si sarebbe mangiato quello domestico, ma quando i lupi hanno trovato le femmine giuste si sono accoppiati e l'incrocio malsano è diventato nuova vita. Gli allevatori illegali si sono accorti presto della bellezza dell'animale ibrido: grande, il muso allungato, il manto lucente, o nero o bianco. Un vero e proprio lupo, da mettere tranquillamente nelle case degli occidentali. E dal valore di tutto rispetto. Per assicurarsene uno si possono spendere anche quattromila euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000