Giovedì 29 Settembre 2016 | 22:23

VALMARECCHIA

Test d'impotenza per padre Gratien

La scomparsa di Guerrina. La difesa chiede accertamenti medici: non poteva avere una relazione con la donna

Test d'impotenza per padre Gratien

VALMARECCHIA. I due religiosi congolesi che prestavano servizio alla canonica di Ca’ Raffaello con padre Gratien Alabi si presenteranno in tribunale ad Arezzo per testimoniare nel processo che vede il religioso alla sbarra con l’accusa di omicidio e occultamento di cadavere. Lo ha annunciato in un’intervista televisiva il diplomatico congolese Osango Benjamin. Entrambi, padre Silvano e padre Giovan Battista, si sono allontanati dall’Italia poco tempo dopo la scomparsa di Guerrina Piscaglia, la 50enne di Ca’ Raffaello della quale non si hanno più notizie dall’1 maggio 2014.

Intanto, è slittato ancora il deposito dell’istanza di scarcerazione per padre Gratien, in attesa di acquisire gli ultimi riscontri investigativi prima della richiesta di processo. La difesa del prete ha chiesto anche accertamenti medici per verificare la presunta impotenza di Alabi, resa nota solo recentemente dal nuovo avvocato Francesco Zacheo. Se confermata metterebbe a tacere le voci riguardo una liason tra Guerrina e il parroco che, secondo l’accusa, potrebbe essere un movente dell’omicidio: per evitare scandali, Alabi avrebbe fatto sparire la donna. Ma resta da fare i conti con la testimonianza di Cristina, una donna di nazionalità rumena che ha confermato di aver avuto rapporti con Gratien, smentendo l’ipotesi di impotenza. Ad ogni modo per la fine di settembre la procura di Arezzo conta di chiudere l’inchiesta, come anticipato dal Corriere di Arezzo. L’attenzione mediatica sul caso resta alta e recentemente nel programma condotto da Barbara d’Urso su Canale 5, una sensitiva ha insistito sulla necessità di effettuare ricerche approfondite in un vecchio edificio di Cicognaia, una località poco distante da Ca’ Raffaello, dove il corpo di Guerrina potrebbe essere stato occultato. I carabinieri titolari dell’indagine hanno già battuto in lungo e in largo le aree boschive intorno alla zona della scomparsa, arrivando a toccare anche il territorio dell’Alta Valmarecchia, ma fino ad ora il corpo della 50enne non è mai stato trovato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000