Domenica 25 Settembre 2016 | 05:41

Più letti oggi

MONDAINO

Palio del Daino, tuffo nel XV secolo

Si parte oggi, attese non meno di 20 mila persone per la rievocazione che terminerà il 23 agosto

 Palio del Daino, tuffo nel XV secolo

MONDAINO. Al via il “Palio de lo Daino”, che da oggi fino al 23 agosto farà aprire le porte del castello di Mondaino per trasportare i visitatori fino al XV secolo.

Attese più di 20 mila persone in questi giorni, per un evento che comincerà oggi alle 18.45 con lo squillo delle trombe che anticiperà l'ingresso in piazza Maggiore di due condottieri che ben si conoscono e che si temono reciprocamente. Si tratta di due signori, Sigismondo Pandolfo Malatesta e Federico da Montefeltro, che proprio a Mondaino, nel 1459, siglarono una breve pace tra i due ducati dopo anni di guerre e battaglie.

Il “giullar cortese” Gianluca Foresi e lo messere Nicola Battistoni racconteranno con rime e lazzi le loro storie e le loro avventure.

Alle 19 si svolgeranno esilaranti sfide tra gli Armati de “la città de lo Grifo di Arzignano” e i Milites di Sharon di Pesaro. Dopodiché seguirà lo spettacolo di messer Gianluca Barone e dei suoi falconi. Poi una breve pausa, per riprendere con gli show alle 20.30, quando in piazza Maggiore entreranno il corteo storico di Mondaino e del Duca d’Urbino che conta circa 30 personaggi in costumi d’epoca.

Alle 21 spazio al mangiatore di spade Marco Cardona, a cui seguirà la caccia con i rapaci notturni e i levrieri del falconiere Barone. Alle 23 arriveranno in piazza gli attori della compagnia teatrale del Piccolo nuovo teatro di Bastia Umbra con lo spettacolo “Onirica”, che narra le vicende dell’eroe Prometeo che rubò il sacro fuoco agli dei dell’Olimpo, che gli costò la condanna alla sofferenza eterna. La compagnia è nata nel 2010 da un’altra compagnia storica, ed è composta da 8 elementi che, con vari elementi del teatro di strada, tra cui trampoli, maschere, giocoliera ed effetti pirotecnici, riesce a dare vita a produzioni di teatro di grande impatto visivo ed emotivo.

Sono circa 400 i volontari impegnati per la sua realizzazione e più di 800 saranno i figuranti in costume d'epoca tra lavoratori, ricostruttori storici, artisti e abitanti.

Nelle piazze del paese alternandosi per tutte le quattro serate si esibiranno, dalle 21 alla “Discesa della fontana”, “Cecco”, “Alessio et Fabiullo Giullari”, “Errabundi Musici de Fermo in Tempus est Jocundum”, “Marco Cardona Lo saraceno”, “Sturm und drunk de Sarnano”.

Alla “Discesa di Levante”, sempre dalle 21, ci saranno Zanubrio Marionettes con lo spettacolo di burattini “Il pappagallo della contessa” e i “Clerici Vagantes” con “Musici, giocolieri et giullari”. Nelle vie itineranti, invece, si alterneranno “Coro ars nova de Gradara”, i “Clerici Vagantes”, “Li Nadari Giullari”, “Le sore Clarisse de Reggio”, la “Confraternita della bona morte da Rimini”, “li Zanzeri”, lo messer “Antonio Toma” e i suoi animali e “Al Nair Madonne in Aire”, piccole atlete in eccentriche figure. La cattura e l’inseguimento delle streghe per le vie del borgo si concluderà con il processo nelle segrete del castello alle 22.30.

Il Palio quest’anno celebra il suo 28mo compleanno. Oggi, domani e sabato l’ingresso costerà 8 euro, mentre domenica nove. Sarà gratuito, invece, per tutti i bambini fino a 14 anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000