Sabato 10 Dicembre 2016 | 19:27

Più letti oggi

INTERVISTA AL SINDACO DI LUGO

Ranalli: «Sistemeremo via Baracca e piazza Savonarola. In arrivo nuove piste ciclabili»

Ranalli: «Sistemeremo via Baracca e piazza Savonarola.  In arrivo nuove piste ciclabili»

LUGO. «La ristrutturazione di piazza Savonarola e via Baracca, spazi nel cuore della città dalle grandi potenzialità, progetti già allo studio da settembre. E uno sguardo attento a realizzare o completare diversi tratti di piste ciclabili, specie quelle che collegano le frazioni al centro, attenti alla sicurezza di pedoni e ciclisti». Sono i prossimi lavori per la cui realizzazione il sindaco Davide Ranalli annuncia di impegnarsi.

Il primo cittadino espone i suoi pensieri per il futuro di Lugo ma tira pure le fila dei primi quattordici mesi di legislatura.

Cosa si prova a guidare un Comune di tali dimensioni?

«Sento innanzitutto il carico di una grossa responsabilità per affrontare, assieme alla giunta, una mansione appassionante. Affrontiamo in totale sintonia i problemi di maggior rilievo, cercando di dare loro adeguata soluzione. Quindi responsabilità certo, ma anche grande voglia di fare».

Quali le opere realizzate in questo periodo?

«Due i cantieri più importanti chiusi o in corso d’opera riguardanti il recupero e la rivalutazione del centro: il Museo Baracca ed il rifacimento del piazzale interno del Pavaglione. Due interventi pubblici in grado di modificare l’assetto urbanistico cittadino. Contemporaneamente, abbiamo anche messo in sicurezza le scuole e gli impianti sportivi».

Quali progetti importanti ci sono in prospettiva per Lugo?

«La sistemazione di piazza Savonarola e via Baracca, il completamento delle piste ciclabili e, in tema di frazioni, l’asfaltatura della via Traversagno a Voltana. Investiremo anche nella cultura, facendo tornare il territorio protagonista e orgoglioso della propria storia, delle tradizioni, del patrimonio museale, musicale e artistico».

Disponete delle risorse per far fronte a tutto quanto programmato?

«Questo è in effetti il grosso problema degli enti locali. Nonostante le notevoli difficoltà finanziarie del nostro bilancio, siamo riusciti a far fronte a tutte le opere programmate. Confidiamo, per il futuro, nella cosiddetta local tax, allo studio da parte del Governo (dovrebbe sostituire varie imposte come Imu, Tasi, Tari e altro). Sarebbe un provvedimento essenziale per il nostro Comune, consentendoci di disporre dei finanziamenti necessari. Nel 2015 a Lugo sono mancati ben 2.500.000 euro di trasferimenti statali. Serve dunque una inversione di rotta considerando i Comuni quali enti sui quali occorre investire».

Quali i rapporti con i cittadini?

«Cerchiamo di mettere in campo una modalità di governo non restando chiusi nella Rocca, bensì vivendo in mezzo alla gente, nei quartieri e nelle strade, prendendo parte ad ogni iniziativa pubblica. Una presenza che permette di conoscere meglio i problemi e le esigenze dei lughesi».

Lo stato dei rapporti con le minoranze?

«Al di sopra dell’indiscusso rispetto personale verso i miei avversari politici, i rapporti a volte si mantengono nell’ambito della battaglia politica, a volte invece degenerano in scontro, in funzione di prese di posizioni ideologiche. Per quanto mi riguarda, affronto con determinazione la battaglia politica, sempre convinto di poter trovare una soluzione razionale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000