Giovedì 29 Settembre 2016 | 08:43

RICCIONE

Piccoli lavori al posto delle tasse

Proposta 5 Stelle in consiglio comunale. La possibilità di scontare Tasi e Tari con prestazione lavorative è già stata discussa in commissione. Una opzione per le famiglie in difficoltà economica

Piccoli lavori al posto delle tasse

RICCIONE. Se non ci sono soldi per pagare le tasse allora si può "barattare" il debito con ore di lavoro. Una mozione per introdurre lo scambio amministrativo sarà presentata nel consiglio comunale di domani sera. «Il sistema permette ai...

RICCIONE. Se non ci sono soldi per pagare le tasse allora si può “barattare” il debito con ore di lavoro. Una mozione per introdurre lo scambio amministrativo sarà presentata nel consiglio comunale di domani sera. «Il sistema permette ai morosi o a persone in difficoltà economica di poter compensare parzialmente o totalmente gli importi dovuti al Comune, dando in cambio la propria prestazione lavorativa - spiega il consigliere del Movimento 5 Stelle, Vincenzo Cicchetti, che presenta l’ordine del giorno -, tagliando il verde pubblico e curando i giardini, oppure svolgendo la funzione di guardiani di posteggi per biciclette».

La possibilità di scontare Tasi e Tari con prestazione lavorative è già stata discussa in commissione consigliare. «La mozione è stata firmata dai singoli capogruppo della maggioranza, Luigi Santi per Noi riccionesi, Andrea Dionigi Palazzi per Forza Italia, da Maria Grazia Gravina di Fli ed Elena Raffaelli per la Lista civica Giovanni Bezzi. Si tratta di una linea di indirizzo per aiutare le persone in difficoltà al quale poi l’amministrazione - prosegue Cicchetti - dovrà fare seguire l’elaborazione di un regolamento comunale per poter usufruire del baratto, in determinate condizioni economiche e per importi non elevati».

Cicchetti individua nella custodia delle biciclette uno dei servizi nel quale fare confluire la forza lavoro reclutabile con il baratto. «Il furto di biciclette è un problema molto sentito nella popolazione, spesso la gente evita di andare in centro per evitare che la due ruote gli venga rubata. A Rimini la giunta ha stanziato 45mila euro per istituire parcheggi custoditi per biciclette». Il sistema del baratto, «permette anche un risparmio, offrendo un servizio innovativo e molto gradito dalla popolazione, infatti se un anziano sconta 100 euro di tasse comunali facendo il custode ai parcheggi, la cifra è netta, invece affidando lo stesso servizio a Geat ai 100 euro andrebbero aggiunti il 18 per cento di agio e il 22 per cento di Iva».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000