FORLI'

Caporalato, a Forlì una casa dove venivano ammassati braccianti stranieri

Lavoravano nel settore agricolo. Denunciato un cittadino rumeno di 58 anni

09/10/2018 - 18:09

«Per il caporalato in Romagna il terreno è ancora fertile»

FORLI'. Si è conclusa un'importante attività investigativa anti-caporalato, che ha consentito ai carabinieri della Compagnia di Forlì di procedere alla denuncia alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Forlì per il reato di Intermediazione illecita e sfruttamento al lavoro di un cittadino rumeno di anni 58 abitante nel Ravennate (affittuario di un immobile in Forlì), avendo reclutato una moltitudine di persone come manodopera destinata presso aziende compiacenti delle province di Forlì e Ravenna, in condizioni di sfruttamento (per aver sottoposto gli stessi a condizioni alloggiative degradanti) ed approfittato dello stato di bisogno. La delicata indagine è iniziata nell’estate del 2017,  quando carabinieri e Ispettorato del lavoro sono venuti a conoscenza del fatto che in un alloggio vivevano insieme tra le 20 e le 30 persone, di nazionalità rumena, che lavoravano nel settore agricolo. Gli accertamenti successivi hanno consentito di far luce sulla situazione sino ad arrivare alla denuncia dell'immigrato. 

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere Romagna

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c