FORLIMPOPOLI

La festa degli italiani a tavola nel nome di Pellegrino

Dal 23 giugno al primo luglio torna la Festa Artusiana. Oltre 150 appuntamenti per gustare e parlare di cibo

16/06/2018 - 13:35

La festa degli italiani a tavola nel nome di Pellegrino

FORLIMPOPOLI. Centocinquanta appuntamenti in nove giorni, dal 23 giugno al primo luglio, tra degustazioni, incontri sulla cultura gastronomica, laboratori del gusto, concerti, spettacoli e mostre imperniati sul tema del cibo. Quarantadue ristoranti, per circa 2.300 coperti, con 122 ricette artusiane in carta (sulle 360 fra cui scegliere). A fare da “contorno”: 60 spettacoli di arte di strada e musica. Tutto è pronto per la 22ª edizione della Festa Artusiana, ovvero «la festa degli italiani a tavola» per dirla con le parole del presidente di Casa Artusi Giordano Conti.

La cucina “senza”

Come ogni edizione, anche questa si aprirà con un convegno che inquadra un tema di riflessione su cui si confrontano i principali studiosi del panorama italiano: “Cucina senza”. Dalla reale mancanza di cibo dei decenni addietro, almeno per quanto riguarda il nostro Paese, alle scelte etiche e perfino modaiole nel mondo d’oggi dei consumi facili, dove la preposizione “senza”, seguita da caffeina, glutine, grassi, olio di palma, zucchero, è divenuta un nuovo valore. Ne parleranno sabato 23 alle 17 a Casa Artusi gli storici Massimo Montanari e Alberto Capatti, il semiologo Paolo Fabbri, Marco Della Rosa del Dipartimento di scienze e tecnologie agro-alimentari dell’Università di Bologna, lo studioso di tradizioni gastronomiche Piero Meldini.

Epicentro Casa Artusi

Nei nove giorni di festa il centro di cultura gastronomica propone percorsi di conoscenza e degustazione, insieme ai protagonisti dell’enogastronomia nazionale e internazionale. Dalle 19 alle 20, ci saranno gli “App-eritivi, applicazione per il buonessere”: buone letture e buon cibo, spazio ideale per presentare libri e autori che parlano di cibo. Sette le serate in programma e i temi: il mito dell’azdora romagnola (domenica 24); la cucina dell’Artusi negli emigrati con il racconto di Isabella Magalhaes Callia dell’Università di San Paolo e Eugenio Salvatore dell’Università di Siena (lunedì 25); il manifesto sull’economia circolare di Andrea Segrè (mercoledì 27); Artusi come modello per una cucina europea con gli storici Massimo Montanari e Ilaria Porciani (giovedì 28); il cibo e i grandi italiani come Verdi, Pascoli e Morandi nell’incontro “Acqua e farina lungo la via Emilia” dell’associazione nazionale Case della memoria (venerdì 29); Artusi nell’inedita versione noir nel libro curato da Carlo Lucarelli, “Brividi a cena. Misteri e manicaretti con Pellegrino Artusi” (sabato 30 giugno). L’appuntamento si rinnova poi ogni sera alle 21 con altre occasioni.

Spettacoli

Un denso cartellone di una sessantina di spettacoli di Arte e Musica di Strada, nel quale l’intrattenimento itinerante si alterna allo spettacolo in postazione fissa, palco o pedana. Ogni sera spettacoli teatral-gastronomici, giocoleria, acrobazia e illusionismo, mimica, teatro per ragazzi, cantautorato e musica popolare. Tra le rassegne, rinnovato il sodalizio con ArtusiJazz, rassegna che compie dieci anni.

La Festa al Maf

Il Maf-Museo Archeologico di Forlimpopoli ha in programma 13 eventi alla scoperta della città, su “Stare a tavola nel mondo antico” percorso alla scoperta del cibo dalla preistoria al Rinascimento, “Le Domus Romane di Forlimpopoli” viaggio nelle abitazioni di Duemila anni fa. Il Museo sarà aperto tutte le sere fino alle 23 e ogni giorno sono previste visite guidate. Il Museo organizza anche la Mostra “Le ovarole” dell’artista Tonina Cianca, una ventina le opere raffiguranti le figure femminili totemiche appartenenti alla tradizione della cultura popolare.

Sapori da tutto il mondo

Anche in questa edizione saranno molti gli ospiti da oltreconfine, a partire dai francesi di Villeneuve Loubet, ma ci sarà anche la cucina croata di Rovigno, quella filippina insieme a Casa Artusi Filippine, e quella austriaca di Traun.

Speciale “Corriere Romagna”

In occasione della Festa Artusiana il “Corriere Romagna” proporrà uno speciale in uscita il 20 giugno prossimo con interviste, spunti di riflessione sul tema del cibo e sulla filosofia artusiana, oltre che sul programma. La festa verrà poi raccontata giorno per giorno nelle pagine di cronaca con articoli, approfondimenti, interviste e un focus sul programma quotidiano.

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c