logo_extra Extra è il magazine estivo del Corriere Romagna dal 1994

SANTA SOFIA

Superlavoro per il Soccorso Alpino: raffica di interventi in montagna

Mobilitati l’elicottero di Pavullo e le squadre locali in azione a Premilcuore e Campigna

26/04/2018 - 13:09

Superlavoro per il Soccorso Alpino: raffica di interventi in montagna

SANTA SOFIA. Giornata di superlavoro, quella di ieri, per il Soccorso Alpino, intervenuto con il suo elicottero decollato dalla base di Pavullo a Modena e con diverse squadre di volontari locali per soccorrere ciclisti ed escursionisti in tre distinte situazioni.

Il primo intervento a Premilcuore per una gara di downhill durante la quale un ragazzo ha riportato la probabile frattura del femore cadendo dalla bici. Sul posto si sono mobilitate le squadre di Rocca San Casciano e Premilcuore. Si è alzato, invece, in volo l’elicottero per un altro ragazzo in bici caduto nei pressi della riserva integrale di Sasso Fratino nel Parco delle Foreste Casentinesi. Per il trauma riportato il giovane è stato portato al “Bufalini” di Cesena.

Analogo intervento, che ha richiesto diverso tempo, per una coppia di escursionisti scivolati per una sessantina di metri lungo un dirupo in località Fonte del Maresciallo, nei pressi del passo della Calla lungo il sentiero 241 ad oltre mille metri di quota. La ragazza ha avuto la peggio, riportando traumi al rachide e alla testa, mentre il ragazzo fortunatamente solo alcune contusioni. Dopo essere stati raggiunti dai volontari sul sentiero, entrambi sono stati issati col verricello a bordo dell’elicottero che, dopo aver scaricato il giovane vicino all’ambulanza che lo attendeva per le prime cure, ha portato direttamente la sua compagna di escursione al “Bufalini” dove è arrivata con il codice di massima gravità.

Per poter restare in zona tutto il tempo necessario alle varie operazioni, terminate dopo le 17 e iniziate fin dalla tarda mattinata, il velivolo è stato costretto a fare rifornimento a Ravenna per poi tornare sulla Campigna. Complice la giornata di festa e le perfette condizioni meteorologiche, tantissimi gitanti ed escursionisti si sono avventurati lungo i sentieri del Parco nazionale. Inevitabile, purtroppo, nonostante i continui inviti alla prudenza, incorre in qualche infortunio.

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c