FORLI'

In calo gli ubriachi alla guida ma dilagano i guidatori col telefonino

Nell'anno appena concluso accertate ben 19.468 infrazioni complessive dalla polizia stradale,:18.193 i punti decurtati

05/01/2018 - 12:31

In calo gli ubriachi alla guida ma dilagano i guidatori col telefonino

FORLI'-CESENA. Calano dal 2016 all’anno scorso le infrazioni da parte degli automobilisti per guida in stato d’ebbrezza, ma crescono in maniera esponenziale quelle per uso del telefonino (senza auricolari o viva voce) mentre si è al volante. Così come aumentano notevolmente quelli che non fanno uso, a loro rischio e pericolo, delle cinture di sicurezza; praticamente stazionare le infrazioni per guida sotto l’effetto di stupefacenti, velocità pericolosa ed eccesso di quest’ultima. Ecco il quadro tratteggiato dalla Polizia stradale di Forlì-Cesena - articolata nelle sedi del capoluogo, della sottosezione di Pieveacquedotto dell’A14, di quella di Bagno di Romagna e del Distaccamento di Rocca San Casciano - guidata da un anno esatto dal dirigente, vice questore aggiunto, Francesco Cipriano.

Le infrazioni

E proprio nell’anno in cui si festeggia il 70° anniversario di fondazione della specialità stradale della Polizia, sono i numeri a dare lo specchio più eloquente dell’attività svolta dalle 6.115 pattuglie di vigilanza (3.512 delle quali in autostrada) schierate sulle strade. Servizi che dimostrano un sensibile aumento del presidio considerando che nel 2016 queste furono, rispettivamente, 5.895 e 3.073. Da un anno all’altro le infrazioni accertate sono passate da 10.260 a 19.468: come ricordato in calo quelle per l’alcol (da 246 a 179) e per velocità pericolosa (da 585 a 551); impennata, invece, per chi è al volante col telefono in mano (da 183 a 361) e per chi non si assicura con le cinture (849 le multe nel 2016, 1.017 nell’anno appena concluso).

Le sanzioni

Violazioni che hanno avuto un effetto immediato sui documenti di guida dei soggetti fermati. I punti decurtati dalle patenti, infatti, sono passati da 13.249 a 18.193; le carte di circolazione ritirate da 166 a 190; le patenti ritirate per la sospensione da 362 a 357, i sequestri amministrativi da 144 a 116 e, infine, i fermi amministrativi da 132 a 85.

Le vittime

Nel 2017 i morti sono stati 12 contro i 13 dell’anno precedente ma è bene ricordare che si tratta esclusivamente degli incidenti rilevati dalla Polstrada. Basti pensare, infatti, che se si allarga il fronte a tutte le forze dell’ordine che hanno operato, nel 2016 i decessi furono 34, mentre si attende il dato consolidato dell’anno appena concluso. Proprio in questo gli agenti sono intervenuti in 944 incidenti (553 dei quali in A14), contro gli 819 (483 in A14) del 2016. In queste due annualità, quelli con feriti sono stati rispettivamente 342 e 299.

Le cause sono ormai risapute: distrazione, omessa distanza di sicurezza, mancata precedenza e omessa precedenza a pedoni e ciclisti, eccesso di velocità.

Completano il quadro 14 arresti, 935 denunce, 8 veicoli recuperati e 3.342 soccorsi effettuati.

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c