L'ANNUNCIO

Mattarella a Forlì per l'omaggio a Ruffilli

Il 16 aprile 2018 il presidente della Repubblica alle celebrazioni per il 30° anniversario della morte del senatore ucciso dalle Brigate Rosse

di GAVINO CAU

02/11/2017 - 10:21

Mattarella  a Forlì per l'omaggio a o Ruffilli

FORLì. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella sarà a Forlì il prossimo 16 aprile in occasione del trentesimo anniversario della morte del senatore Roberto Ruffilli per mano delle Brigate Rosse. Un omaggio all’uomo politico della Democrazia Cristiana, assassinato dai terroristi, al quale la massima carica dello Stato, che conosceva e stimava Ruffilli, tiene particolarmente. Avrebbe già confermato la volontà di non mancare alle celebrazioni ufficiali. Mattarella e Ruffilli collaborarono da vicino, negli anni Ottanta, per riavvicinare i cittadini alle istituzioni e riformarle. Credevano negli stessi ideali. Per questo, a 30 anni dal barbaro assassinio, il presidente della Repubblica Mattarella sarà in città il 16 aprile 2018, proprio nel giorno dell’anniversario.

L’impegno del presidente

Sono già state avvertite sia le forze dell’ordine sia le Istituzioni cittadine. Nell’agenda dei collaboratori di Mattarella il 16 aprile 2018 sarà dedicato a Forlì, a meno che impegni di tipo elettorale che ricadano proprio in quei giorni non costringano il presidente a rimanere a Roma, ma in quel caso la visita sarebbe solo posticipata di qualche giorno, perché l’impegno con il ricordo di Ruffilli per Mattarella sarebbe imprescindibile.

Il lutto personale

Anche perché la storia personale del presidente Mattarella ha conosciuto un lutto molto simile a quello che ha colpito i familiari di Roberto Ruffilli, vale a dire il delitto del fratello Piersanti, ucciso dalla mafia nel 1980, che ha segnato la sua vita. L’amicizia e il senso delle istituzioni avrebbero spinto il presidente Mattarella a venire a Forlì.

Il calendario elettorale

Molto dipenderà quindi dalla data delle elezioni politiche del 2018 e da quando verranno sciolte le Camere. In questi giorni si è ipotizzato il 4 marzo quale data per il voto e questo non inciderebbe sull’arrivo ad aprile in città di Mattarella. È logico che un eventuale slittamento dello scioglimento delle Camere ed il conseguente spostamento in avanti dell’impegno elettorale costringerebbe il Gabinetto di Presidenza a modificare i propri impegni istituzionali e quindi anche la visita a Forlì.

Sette anni dopo

Dopo sette anni, quindi, Forlì tornerà a vestirsi di Tricolore per accogliere un presidente della Repubblica. L’ultimo fu Giorgio Napolitano il 7 e 8 gennaio 2011, per il 150º anniversario dell’Unità d’Italia. Venne invitato per partecipare ad una serie di iniziative organizzate dalle Istituzioni locali e coordinate dal Comitato provinciale dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, presieduto dal senatore Stelio De Carolis d’intesa con le Associazioni Mazziniane. Alla lettera di invito da parte dell’allora Prefetto di Forlì-Cesena Angelo Trovato era seguito un incontro al Quirinale per definire il programma. Napolitano venne a Forlì, con la città in festa per il 66° anniversario della Liberazione. Un bagno di folla per l’allora Capo dello Stato che venne accolto da una Forlì appena uscita dalle festività natalizie con grande calore.

Forse visita all’Irst

Il presidente Mattarella il 16 aprile 2018 si fermerebbe solo nella mattinata per onorare Ruffilli, anche se si cercherà di “trattenerlo” anche per il pomeriggio. La Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì spera, infatti, che Mattarella possa presenziare all’inaugurazione, che sarebbe fissata per quel giorno, di nuovi servizi legati all’Istituto scientifico romagnolo per lo studio e la cura dei tumori Ma in questo caso siamo ancora nel campo delle speranze, visto che da Roma non si hanno riscontri su questo appuntamento. Rimane per il momento certa, invece, la data del 16 aprile 2018. Un regalo di Natale anticipato per Forlì. La macchina organizzata, appena partita, dovrà muoversi velocemente per preparare un anniversario che sarà denso di significati, sia perché sono già passati 30 anni dall’omicidio ma la figura del senatore e professore Roberto Ruffilli non è stata scalfita dal tempo, sia perché ci sarà il Capo dello Stato a celebrare il commosso ricordo.

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c