Giovedì 22 Giugno 2017 | 14:06

Corriere Tv

CORNIOLO

Una stalla resta senz'acqua

Mucche a rischio in montagna. Soccorso idrico dei carabinieri forestali

Una stalla resta senz'acqua

SANTA SOFIA. Il gelo mette a rischio una ventina di bovini in una stalla di montagna, a Corniolo. Le condotte ghiacciate, a causa delle temperature rigide di questi ultimi giorni che in questa zona hanno anche già portato la neve, hanno impedito per giorni l’approvvigionamento idrico del podere Val di Noce, situato al di sotto del Passo della Braccina, a ben 950 metri sul livello del mare, nel cuore del Parco nazionale delle Foreste casentinesi. «Una sorgente d’acqua situata sul versante est del Monte Guffone rifornisce, tramite una condotta interrata, l’azienda agricola della famiglia Ulivi, ivi residente dal 1957, garantendo acqua potabile agli occupanti ed all’attività, consistente nell’allevamento di bovini - spiega il comandante Marco Mencucci, del Coordinamento territoriale carabinieri per l’ambiente di Pratovecchio, così si chiama ora la Forestale, confluita dal primo gennaio nell’Arma -. Vista la situazione di grave disagio e rischio per la salute degli animali, si è provveduto pertanto ad attivare nell’immediato e sino a cessata emergenza un servizio di rifornimento idrico garantito con l’impiego di un mezzo speciale antincendio, in considerazione dell’orografia impervia del luogo e delle condizioni di innevamento al suolo, messo a disposizione dal Coordinamento territoriale carabinieri per l’ambiente di Pratovecchio col personale dei reparti di Corniolo e Premilcuore». Venerdì scorso è stato effettuato il primo viaggio con la cisterna piena d’acqua, quindi gli uomini dell’ex Forestale sono tornati in quota due volte il giorno successivo. Una consegna è stata effettuata anche nella giornata di domenica e ieri. Oggi dovrebbe esserci l’ultima consegna in emergenza, l’azienda agricola ha nel frattempo avuto modo di trovare una soluzione anche per i prossimi giorni. Ogni viaggio ha permesso la consegna di 1.000 litri d'acqua indispensabili alle mucche che in inverno mangiano in particolare solo fieno secco e hanno bisogno ancor di più di essere idratate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000