Giovedì 29 Settembre 2016 | 01:54

DOMICILIARI PER L'IMPRENDITORE

Isoldi torna a casa col braccialetto elettronico

Era in carcere alla Rocca dallo scorso 30 aprileAlla fine di maggio deciderà la Cassazione

 Isoldi torna a casa col braccialetto elettronico

FORLÌ. La richiesta dell’avvocato Nicola Mazzacuva (Foro di Bologna) di concedere al cliente Pierino Isoldi un regime carcerario più attenuato è stata accolta, lunedì scorso, dalla Corte d’Appello di Bologna. Oggi il geometra rientra nella villa di Bertinoro con il dispositivo elettronico in grado di controllarne i movimenti. Alla fine di maggio l’avvocato Mazzacuva e l’avvocato Franco Coppi lo difenderanno in Cassazione.

Lunga detenzione. Comunque la si pensi il regime detentivo di Isoldi è stato lungo. In due anni l’imprenditore immobiliare, che è stato a capo di un impero di alcune centinaia di milioni di euro, ha subìto come detenzioni varie più di un anno di restrizione della libertà. La reiterata richiesta di attenuare il regime detentivo è stata avanzata dall’avvocato Nicola Mazzacuva (un’autorità nel Foro di Bologna) che ha ottenuto dalla Corte d’Appello la concessione ad una precisa condizione: che l’imputato possa essere controllato in attesa del terzo grado di giudizio che sarà celebrato in Corte di Cassazione a Roma a fine maggio, nel processo che lo vede accusato di aggressione e procurato aborto contro l’ex amante. Fatti che risalgono al 2005.

Sotto controllo. Il dispositivo di controllo a distanza verrà applicato sul corpo di Isoldi (in genere viene legato attorno al polpaccio) e consente a una centrale di controllare i luoghi di movimento del detenuto, in questo caso il suo ambito domiciliare. L’ex immobiliarista era stata arrestato il 30 aprile dell’anno scorso, quasi 10 mesi fa, perché sospettato di essere sul punto di fuggire, ma la linea difensiva ha sempre contestato quello che ha considerato un vero accanimento. Del resto chi conosce Pierino Isoldi sa che è convinto di poter dimostrare l’innocenza

Le altre vicende. Sugli altri processi già svoltisi, Isoldi ha accumulato una condanna a 18 mesi di carcere per calunnia patteggiata nel novembre del 2011 e un’altra per frode fiscale patteggiata a tre anni e 6 mesi nel marzo dell’anno scorso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000