Domenica 11 Dicembre 2016 | 05:07

Più letti oggi

FRANA A MELDOLA

«Mia moglie tornava dal lavoro e si è ritrovata senza la strada»

La casa rimasta isolata, il racconto di Andrea Donati

 «Mia moglie tornava dal lavoro e si è ritrovata senza la strada»

Andrea Donati davanti alla frana

MELDOLA. Andare a casa una sera e non trovare più la strada. Questo è quanto è accaduto a Debora Donati mercoledì. Una frana ha cancellato 50 metri di strada, la vicinale Pramabene - Campagnana, a Vitignano.
Il marito, Andrea, a casa ad 800 metri dal punto del cedimento ha subito informato i carabinieri, ma la famiglia è rimasta isolata, così come alcune aziende agricole servite da questa via. «Mia moglie stava tornando a casa la sera e si è trovata la via cancellata – spiega Andrea Donati – per fortuna un’autovettura non era a casa e l’abbiamo parcheggiata prima del cratere». Così ogni mattina la famiglia sale sulla vettura del marito, rimasta nella zona isola e «a marcia indietro perché non c’è spazio per fare inversione, arriva al punto dell’interruzione e «qui con gli stivali passiamo dal campo e raggiungiamo l’altra automobile con cui andiamo al lavoro. Adesso affitteremo un’altra macchina per questo periodo».
«I carabinieri sono stati gentilissimi e sono venuti subito – prosegue il racconto del signor Donati, che è infermiere in un ambulatorio meldolese – il sindaco e i tecnici del Consorzio di bonifica erano qui già al mattino successivo e si sono mossi velocemente per trovare una soluzione, ma bisognerà attendere». Come hanno spiegato giovedì lo stesso sindaco Zattini e Marco Carnaccini, tecnico del Consorzio, bisogna realizzare un nuovo percorso interpoderale distante dal calanco franato. «Il Comune ha già garantito il materiale e il Consorzio i mezzi per intervenire, ma bisognerà fare alcuni passi burocratici - chiarisce Donati che continua -. Qui nessuno è lasciato solo nel 2000 abbiamo scelto di venire a vivere qua in campagna proprio perché c’è ancora la comunità di una volta. Nel 2012, durante il nevone, due nostri vicini vennero con ruspa e cingolato a liberarci: lavorarono 6 ore senza chiedere nulla e ci ritrovammo tutti insieme a pranzo. Anche ora ci aiutano». I Donati hanno anche cavalli, capre e anatre, animali a cui serve mangime, in attesa che la nuova strada interpoderale diventi realtà. Ieri intanto hanno effettuato un sopralluogo anche i tecnici di Hera ed Enel, per verificare lo stato dei rispettivi collegamenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000