logo_extra Extra è il magazine estivo del Corriere Romagna dal 1994

SUL PALCO

Verucchio, rap e Baustelle

Dal 14 al 28 luglio attesi Federico Buffa, Dente e Catalano, Peter Kruder e Richard Dorfmeister, Mark Lanegan, Willie Peyote e Bennato

di RITA GIANNINI

Verucchio, rap e Baustelle

Edizione numero 34 per il Verucchio music festival. Sette serate, dal 14 al 28 luglio, con inizio alle ore 21, dove la musica ha come quinte scenografiche i profili della Valmarecchia, l’orizzonte del mare e l’imponenza della chiesa Collegiata. La serata inaugurale, il 14, ha come protagonisti i Baustelle e i brani del nuovo disco “L’amore e la violenza vol. 2”. Il 17 arriva Federico Buffa con “A night in Kinshasa. Muhammad Ali vs. George Foreman. Molto più di un incontro di boxe”, racconto del match di boxe per il titolo mondiale dei pesi massimi, del 1974, tra Cassius Clay e George Foreman a Kinshasa, Zaire.

Il giornalista sportivo offre una narrazione tenuta “sulle corde” da una serrata partitura musicale scritta ed eseguita al pianoforte da Alessandro Nidi e ritmata dalle percussioni di Sebastiano Nidi. Gli applauditissimi Dente e Guido Catalano sono in cartellone il 20 con la prosecuzione di “Contemporaneamente insieme”, spettacolo che unisce il mondo di un poeta e quello di un musicista per parlare d’amore. Il 21 luglio è invece la volta di un altro duo: Peter Kruder e Richard Dorfmeister, padrini della scena musicale elettronica di Vienna, noti per le produzioni e remix d’avanguardia. Il loro “Dj Kicks” e l’album capolavoro “K&D sessions” hanno venduto più di un milione di copie ciascuno, divenendo cult da collezione.

Uno dei cantautori più sensibili e originali della sua generazione, Mark Lanegan sarà in concerto il 26 con la band e le canzoni dell’ultimo disco “Gargoyle”. Voce profonda, partita dal grunge e arricchita da rimandi blues e folk, è noto per essere stato il cantante e leader degli Screaming Trees e aver collaborato con i Queens of the Stone Age. Il 27 è la volta del rap con il non convenzionale Willie Peyote, al secolo Guglielmo Bruno, irriverente e ironico. Chiusura il 28 luglio con Edoardo Bennato e il suo singolo, “Mastro Geppetto”, tassello mancante di “Burattino senza fili”, concept album dedicato alla favola di Pinocchio, ripubblicata in una edizione speciale per celebrare i quarant’anni dell’uscita del disco.
Info: 0541 670222

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c