TEATRO

Non solo greci al Plautus

Dal 14 luglio a Sarsina la rassegna curata da Cristiano Roccamo

di CLAUDIA ROCCHI

Non solo greci al Plautus

Il Plautus festival di Sarsina edizione numero 58 (va in scena dal 1956), fra le pochissime rassegne di teatro antico sopravvissute, dal 2010 diretto da Cristiano Roccamo, mai come quest’anno torna alle radici della parola antica dei padri del teatro, dei tragici greci e dei comici latini, a cominciare dal sarsinate Plauto a cui il festival è votato. L’offerta in quattordici titoli tutti alle 21.30 celebra molte eroine del mito, confermando una rassegna con sguardo esistenziale al femminile.

I primi tre spettacoli sono una ouverture che si insedia nel centro del paese. Si apre sabato 14 luglio al foro romano di Sarsina, durante la Festa romana, con “Sulla nave di Teseo” di Simone Càstano (info: 348 5162301); domenica 15 al Museo archeologico Vanessa Gravina interpreta “Didonis fabula. La tragedia di Didone dall’epos al teatro”. Il 21 luglio, nello stesso museo, Clara Galante è “Medea” accompagnata al pianoforte. La rassegna si sposta quindi nella scenografica arena di Calbano dove il 22 luglio Pino Quartullo interpreta “Il fu Mattia Pascal” di Pirandello.

La tragedia di Seneca “Troiane” debutta a Sarsina il 3 agosto con Paolo Bonacelli, Valeria Ciangottini, Edoardo Siravo. Si continua con “Antigone” di Sofocle il 6 agosto con Giulia Sanna e il “Creonte” di Massimo Venturiello. Una novità, il 9 agosto, è “La morte della Pizia” di Friedrich Dürrenmatt con Daniele Pecci alla sua prima volta al Plautus. Da vedere anche “Orestea” di Eschilo il 16 agosto con Renato Campese, mentre il 19 prova d’attrice di Elisabetta Pozzi in “Cassandra”, con il contributo del compianto Massimo Fini. Per la commedia, il fantasma di Plauto si fa voce e corpo il 29 luglio con “Pseudolo” con Ettore Bassi, il 12 agosto con “Il miles gloriosus” con Flavio Albanese; in chiusura il 21 agosto con “Aulularia” e gli attori del Laboratorio del Plautus diretti da Cristiano Roccamo.

Fuori programma, l’11 agosto, anche l’opera “Bohème” di Puccini con il soprano Raffaella Battistini e l’Orchestra “Città di Ferrara” diretta da Alberto Veronesi.
Info: 0547 94901

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c