Domenica 04 Dicembre 2016 | 21:21

GRANDI OPERE

Da Ravenna a New York, la ruota panoramica più grande

Commesse importanti ma stipendi a rischio, la triste situazione degli operai delle Officine Costruzioni Ravenna

 Da Ravenna a New York, la ruota panoramica più grande

RAVENNA. Vivono giorni delicati i 25 dipendenti delle Officine Costruzioni Ravenna. In consegna ci sono i componenti per costruire la New York Wheel, la ruota panoramica più grande del mondo al pari di quella in via di completamento a Dubai. Un oggetto che si candida a diventare uno dei simboli di New York insieme alla Statua della Libertà e all’Empire State Building. La ruota dal 2017 farà mostra di sé nel grande parco giochi di Staten Island. Ma nel cantiere ravennate non c’è aria di festa: le tante commesse, i lavoratori coinvolti, che in alcuni momenti con le ditte esterne possono raggiungere le 150 unità, i clienti di livello nazionale non hanno salvato l’azienda dall’attuale momento di difficoltà. I dipendenti dell’azienda, che ha sede nella zona portuale e opera nel settore dell’oil & gas e della caldareria, stanno infatti completando la realizzazione delle 4 “gambe” superiori della ruota mentre è in corso una delicata trattativa con la società seguita dalla Uil.

Intanto le operazioni di trasporto dei pezzi sono iniziate, ciascun sostegno, suddiviso in parti, è lungo 27 metri, tre dei quattro commissionati sono già pronti e nonostante la fase critica i lavoratori rispetteranno i tempi di consegna. Il materiale sarà depositato in banchina per essere caricato su una nave, in partenza per gli Stati Uniti il 18 agosto. «La New York Wheel - spiega Eris Bravetti responsabile della qualità - costituisce una delle realizzazioni più complesse al mondo per il suo peso eccezionale e le dimensioni da record. I vari componenti della struttura sono stati commissionati da Starneth e Mammoet ad aziende di diverse nazioni. Le Officine Costruzioni Ravenna, hanno acquisito la commessa nel novembre del 2015 da Walter Tosto spa, un’azienda leader italiana della caldareria. In soli 8 mesi di fabbricazione e accurati test, sono state realizzate parti della struttura costituenti il sostegno dell’opera. Ogni minima fase non è stata lasciata al caso, a partire dai severi controlli qualità che hanno accompagnato tutte le operazioni di costruzione, alla progettazione delle non meno banali operazioni di trasporto dalle Officine Costruzioni Ravenna al porto».

La ruota sarà alta 192 metri (il grattacielo di Cesenatico ad esempio raggiunge i 118 metri), con un diametro di 183 metri. Nella scheda tecnica si legge che la New York Wheel avrà componenti per 2 milioni di chili, supererà di 57 metri l’altezza e di 51 metri il diametro della ruota panoramica di Londra. Potrà accogliere fino a 1.440 persone per giro (40 per capsula) e circa 3,5 milioni di visitatori l’anno. Fra le curiosità da segnalare sulla New York Wheel di sicuro spicca l’altezza: sarà alta il doppio della prima ruota panoramica inaugurata a Chicago nel 1893; in più il tempo impiegato dalla ruota per compiere un giro è di 38 minuti ed è stato calcolato sull’autonomia fisiologica di un bambino prima che scatti il fatidico grido: pipì.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000