Giovedì 08 Dicembre 2016 | 01:04

RAVENNA JAZZ 2014

Arrivano grandi "coppie" nei locali

Da Raiz-Mesolella a Tessarollo-Taufic

 Arrivano grandi "coppie" nei locali

RAVENNA. Una delle novità di Ravenna Jazz 2014 è la volontà di portare il jazz fuori dai teatri, più vicino a un pubblico non appassionato, e delocalizzato. L’evento più eclatante in quest’ottica è stato “Pazzi di jazz”, in Piazza del Popolo.

Ma ora è il momento di “Ravenna 41° jazz club”, mini rassegna dentro la rassegna, che si svolge nei club. Si comincia oggi al Cisim di Lido Adriano con “Dago red”, concerto del duo campano Raiz - Fausto Mesolella. Il primo è stato per lungo tempo voce e leader degli Almamegretta, prima di avviare una carriera solista che l’ha portato in Europa, soprattutto in Inghilterra, e poi tornare nella formazione originaria lo scorso anno. Mesolella è invece la chitarra degli Avion Travel, ma si è da sempre ritagliato anche una corposa attività solistica che spazia dal pop al jazz.

Il Mama’s club ospita mercoledì 7 maggio il trombettista beneventano Luca Aquino, allievo di Paolo Fresu, per la cui etichetta ha inciso “AQustico”, sul quale è basato il concerto. Al Mama’s lo ascolteremo in duo con il pianista avellinese Carmine Ioanna. Di respiro internazionale sarà il concerto di giovedì 8 maggio al teatro Socjale di Piangipane, con due tra i più noti jazzisti europei: il giovane fisarmonicista francese Vincent Peirani e l’esperto chitarrista svedese Ulf Wakenius. Il primo si muove sulle orme del virtuoso connazionale Richard Galliano, e ha appena vinto il premio “Django Reinhardt” come miglior musicista francese. Wakenius è stato dal 1997 al 2007 nel quartetto di Oscar Peterson, a coronamento di una carriera che l’ha visto collaborare con Pat Metheny, Jack De Johnette, Michael Breker e Herbie Hancock, tra gli altri. Peirani e Wakenius hanno un grande affiatamento, avendo fatto parte insieme del trio con Lars Danielsson e del quartetto della cantante coreana Youn Sun Nah.

Si torna al Mama’s venerdì 9 maggio per un duo di chitarre acustiche: Luigi Tessarollo e Roberto Taufic, nel concerto che prende il nome dal loro album “Painting with strings”. Nato in Honduras, Taufic è cresciuto in Brasile, dove si è formato come musicista; dal 1990 si è trasferito in Italia, dove ha proseguito una carriera caratterizzata dal sound latino. Dopo essere tornati al teatro Alighieri sabato 10 con il duo Stefano Bollani - Antonello Salis per la rassegna maggiore Ravenna Jazz, si proseguirà al Cisim domenica 11 con Napoleon Maddox Iswhat?! e al Socjale il 12 con il trio CBS.

I concerti di “Ravenna 41° jazz club” cominciano alle 21.30, con ingresso a 10 euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000