Lunedì 05 Dicembre 2016 | 05:26

BENEDETTA TOBAGI

Cercando il vero nell'Italia dei troppi misteri

Presenta "Una stella incoronata di buio" oggi a Ravenna e sabato a Rimini

 Cercando il vero nell'Italia dei troppi misteri

 

RAVENNA-RIMINI. 28 maggio 1974 – 28 maggio 1980. Due momenti bui della storia repubblicana legati da una data e, forse, da molti fili rossi che ancora non conosciamo. La strage fascista di Piazza della Loggia a Brescia e l’uccisione del giornalista del Corriere della Sera Walter Tobagi.

Sono due eventi distinti, ma la storia italiana degli ultimi 60 anni è piena di molti altri omissis: a partire dall’eccidio di Portella della Ginestra passando per piazza Fontana, per l’uccisione di Peppino Impastato, per la strage di Bologna fino a Ilaria Alpi: quattordici anni dopo Tobagi, muore assassinata a Mogadiscio la giornalista del Tg3. Vent’anni fa, oggi.

A tenerli insieme, il mistero e il silenzio. Anzi, i troppi silenzi, le omissioni, i «non ha commesso il fatto» o «non sussiste».

È un filo che Benedetta Tobagi, la figlia di Walter, che aveva solo 3 anni quando lo uccisero, oggi cerca di riannodare nel libro Una stella incoronata di buio. Storia di una strage impunita (Einaudi): lo presenterà questo pomeriggio a Ravenna (alle 17.30 in sala Muratori) e sabato a Rimini (sempre alle 17.30 al Museo della Città), dove converserà con Ilaria Moroni, coordinatrice della Rete degli archivi per non dimenticare e direttrice del Centro di documentazione Sergio Flamigni, il senatore forlivese già presidente della Commissione d’inchiesta sulla P2 e sul caso Moro. L’incontro riminese è organizzato dall’Associazione Alpi.

«La nostra storia è segnata da mancanze di verità – dice Benedetta Tobagi –. Sono rimasta molto colpita dalle parole della madre di Ilaria Alpi che, parlando di processi e depistaggi, ha detto: a me basterebbe che uscisse la verità. Ecco, io vorrei rimarcare con forza la necessità di poter sapere – con il massimo grado di approssimazione possibile – come sono andate le cose».

Un anelito che parte sin dal suo primo libro, Come mi batte forte il tuo cuore, dedicato al padre, e che l’autrice definisce «l’altra valva di un’unica conchiglia».

Ancora il 28 maggio: una coincidenza impressionante.

«Sono le coincidenze che ti chiamano verso un racconto» risponde la giornalista e storica milanese. «E c’è un nesso inscindibile – aggiunge – che collega la storia delle stragi di matrice neofascista degli anni tra il 1969 e il 1974, e il terrorismo di sinistra del periodo successivo».

Pagina dopo pagina, inchiesta dopo inchiesta, nel «tentativo di recuperare quello che non sappiamo», per Brescia si è riaperto uno spiraglio proprio pochi giorni fa. Il 21 febbraio la Cassazione ha cancellato le assoluzioni di Carlo Maria Maggi e di Maurizio Tramonte. Così ora «una soluzione penale è possibile».

Ma c’è un motivo per cui è così difficile arrivare alla comprensione dei fatti?

«La strage di Piazza della Loggia ha conosciuto moltissimi depistaggi – anche se non tanti quanti il caso Alpi – ma dai fatti emergono precisi quadri di responsabilità, al di là delle sentenze».

Alla mancata verità contribuisce però anche l’atteggiamento dei media.

«Che è nevrotico: tutti presenti al momento della lettura delle sentenze, ma non prima, durante i processi, quando emergevano i depistaggi. Bisogna cercare di rappresentare, far conoscere, far riflettere, poi il giudizio viene da sé».

Parlando di omissioni, segreti e depistaggi, viene spontaneo chiederle cosa pensa della trattativa Stato-mafia, uno dei segreti meglio conservati della nostra storia recente.

«C’è un processo in corso, ma quello che mi impressiona è che si sia perso il senso della differenza tra ciò che è penalmente rilevante e ciò che è molto grave dal punto di vista politico. In quello snodo terribile delle stragi mafiose, da molti elementi risulta che una trattativa c’è stata, e il cammino giudiziario cercherà di fare chiarezza. Anche se ho l’impressione che la politica avverta la necessità di tutelare soprattutto se stessa».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000