Giovedì 08 Dicembre 2016 | 16:59

L'EVENTO

Venti mostre, mille opere

Presentata la Biennale del disegno di Rimini

Venti mostre, mille opere

RIMINI. È stata presentata questa mattina, martedì 18 marzo, negli spazi dell’Atelier Alberta Ferretti a Milano la Biennale del disegno di Rimini alla presenza della stilista Alberta Ferretti, del sindaco di Rimini Andrea Gnassi e dell’assessore alla Cultura del Comune di Rimini Massimo Pulini.

Da Parmigianino a Kentridge, da Guercino a Fontana, da Tintoretto a Baccarini, da Hugo Pratt a Federico Fellini, da Keith Haring a Coppedè, a un inedito disegno di Dudovich chiudendo con i contemporanei Toccafondo e Nicoletta Ceccoli. Più di 20 mostre allestite dal 12 aprile all’8 giugno in contemporanea in altrettanti luoghi prestigiosi, pubblici e privati, trasformano per due mesi la città nella capitale del disegno.

È la prima edizione della Biennale del disegno di Rimini (www.biennaledisegnorimini.it), ideata dal Comune di Rimini e dai musei comunali, omaggio al “primato” che il disegno si aggiudica secolarmente nelle arti come pratica e disciplina che percorre trasversalmente la storia dell’arte e converge con forza in moltissimi processi artistici.

In mostra mille disegni, un corpus di opere unico nel suo genere ospitato nei luoghi più significativi di Rimini per un percorso teso all’analisi della figurazione grafica in tutte le sue declinazioni: il disegno come strumento preparatorio nella pittura antica – da Parmigianino a Tintoretto a Guercino – o in quella moderna – da Emilio Vedova a Fontana passando per Fortunato Depero –, il disegno come espressività simbolica, nell’opera di Domenico Baccarini, nelle tele di William Kentridge, in un’opera tre metri per tre di Keith Haring, e ancora gli storyboard cinematografici di Gianluigi Toccafondo, i progetti del “Gaudì italiano” l’architetto Alfonso Coppedè, fino al fumetto di Hugo Pratt un per finire con un disegno inedito di Marcello Dudovich. Infine la sinopia dell’affresco di Piero della Francesca conservata al Tempio Malatestiano che stringe l’occhio alla collezione di disegni firmati dallo stilista Renè Gruau e al Libro dei sogni di Federico Fellini, l’album, anzi due (perché due Fellini ne riempì) dove il regista annotava sotto forma di disegni e schizzi i propri sogni appena sveglio, per un periodo che va dall’inizio degli anni Sessanta al 1990.

Il percorso della Biennale del disegno porta il turista a conoscere il volto più antico e prezioso della città malatestiana, che vedrà il proprio centro storico trasformarsi in un cuore pulsante della creatività e della ricerca. Il Museo della Città, Castel Sismondo, Palazzo del Podestà, Palazzo Gambalunga, Far (Fabbrica arte Rimini), il Museo degli Sguardi, la Cineteca comunale e l’Istituto musicale Lettimi, librerie, gallerie, studi di architettura e case editrici sono solo alcuni dei luoghi che saranno coinvolti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000