Lunedì 26 Settembre 2016 | 00:29

SAGRA MUSICALE MALATESTIANA

Martha Argerich, leggenda del pianoforte

Con la Youth Orchestra of Bahia diretta da Ricardo Castro

Martha Argerich, leggenda del  pianoforte

RIMINI. Una leggenda del pianoforte, un’icona del pianismo internazionale e interprete straordinaria, incontra i musicisti della Youth Orchestra of Bahia e il risultato è un’entusiasmante concerto che il pubblico della Sagra musicale malatestiana avrà il piacere di ascoltare questa sera (venerdì 9 settembre) alle 21 a Rimini. Per i concerti sinfonici, arriva all’Auditorium Sala della Piazza del Palacongressi l’argentina Martha Argerich. Con lei sul palco, insieme all’orchestra brasiliana, fondata nel 2007 dal pianista e direttore d’orchestra Ricardo Castro, ci sarà anche la giovane Theodosia Ntokou: insieme proporranno lo spettacolare Concerto per due pianoforti in re minore di Poulenc, prima di affrontare, da sola e per la gioia del pubblico, lo spumeggiante Concerto in sol maggiore per pianoforte di Maurice Ravel. In programma anche la Suite dal balletto Estancia di Ginastera e L’uccello di fuoco, suite dal balletto op. 20 di Igor Stravinskij.
Il concerto apre con l’esecuzione una delle opere più popolari del compositore argentino e maestro di Piazzolla, Alberto Ginastera, la Suite dal balletto Estancia, che vedrà impegnata la Yoba in trascinanti ritmi latino-americani. Eseguita per la prima volta nel 1943, la Suite si basa su scene di vita argentina: nel primo movimento il compositore si vale della sezione di percussioni per suggerire la forza dei lavoratori del ranch; la seconda danza è sensuale, lirica e Ginastera sfrutta la trasparenza della scrittura per mettere in luce ogni dettaglio orchestrale; il terzo movimento enfatizza i ritmi per raggiungere un’unità dei temi originali.
A seguire entreranno in scena Martha Argerich e la talentuosa pianista di orgine greca Theodosia Ntokou. Insieme interpreteranno il Concerto per due pianoforti di Francis Poulenc. Scritto nel 1932 su commissione della principessa e mecenate Winnaretta Singer de Polignac, costituisce una delle opere conclusive del primo periodo compositivo di Poulenc, fortemente influenzata dal Concerto in sol maggiore di Ravel.
I riflettori saranno poi puntati su Martha Argerich, che interpreterà con la Yoba, fra cadenze jazz e il celebre Adagio, lo spumeggiante Concerto per pianoforte e orchestra in sol maggiore di Maurice Ravel, eseguito per la prima volta a Parigi nel 1932 e opera della maturità del compositore.
Chiude la serata la Suite orchestrale dal balletto L’uccello di fuoco di Stravinskij.
Martha Argerich è un’artista da sempre sensibile all’educazione musicale dei talenti esordienti e alle iniziative legate alla valorizzazione di giovani musicisti. In quest’ottica è nata la collaborazione con la Yoba, orchestra brasiliana formata nel 2007 e fondata dal direttore d’orchestra e pianista Ricardo Castro. Su invito del governo di Bahia, il direttore ha creato Neojiba (Centri statali per orchestre giovanili e infantili di Bahia), un programma pionieristico in Brasile che ha raccolto 4600 bambini in tutto lo stato di Bahia provenienti da ambienti poveri aiutandoli attraverso la musica classica. L’orchestra è formata da giovani talenti sotto i 29 anni, che tornano per la seconda volta in Italia.
Info: 0541 793811
www.vivaticket.it
Biglietti da 15 a 42 euro