Martedì 06 Dicembre 2016 | 16:57

TEATRO

Fo reincontra "Lu santo jullàre Françesco"

Da oggi a mercoledì in prima nazionale al teatro Duse un memorabile lavoro sul poverello d'Assisi

Dario Fo

Dario Fo

 

BOLOGNA. Dopo “In Fuga dal Senato”, Dario Fo torna al Teatro Duse di Bologna in prima nazionale da oggi a mercoledì 12 febbraio con Lu Santo jullàre Françesco, un memorabile lavoro sulla vita di San Francesco, che ha debuttato 15 anni fa e viene riscritto oggi per questo nuovo allestimento. Il Premio Nobel per la letteratura nel ’97 torna in scena con un racconto teatrale in cui prendono vita personaggi dell’Italia medievale, dai semplici contadini ai Cardinali e addirittura ai Papi.

La realtà storica e la tradizione popolare si intrecciano nel ripercorrere alcuni dei momenti più significativi della vita del Santo d’Assisi: la richiesta di approvazione della Regola al Papa Innocenzo III, la predica agli uccelli, la malattia agli occhi…

Lavorando su leggende popolari, su testi canonici del Trecento e su documenti emersi negli ultimi due, tre secoli Dario Fo elabora un’immagine non agiografica di San Francesco: spogliato dal mito, ritroviamo un personaggio provocatorio, coerente, coraggioso, ironico.

Del resto era lo stesso Francesco a definirsi «jullare al servizio di Dio», e questo proprio negli anni in cui l’imperatore Federico II promulgava un editto contro i «Joculatores obloquentes» considerandoli buffoni osceni. Un eretico di fatto, la cui storia è tornata alla ribalta ai giorni nostri con la salita al soglio di Pietro del nuovo pontefice, e qui riproposta in una versione inedita in volgare umbro medievale.

Dice Fo: «Della giullarata Francesco conosceva la tecnica, il mestiere e le regole assolute. Non teneva mai prediche secondo la convenzione ecclesiastica, anzi, rifiutava l’andamento del sermone. Sappiamo pure che cantava, recitava e “di tutto lo suo corpo fasea parola” come testimonia un cronista del suo tempo; nei suoi sermoni suscitava divertimento ma anche commozione fra i presenti che lo ascoltavano».

L’ingresso allo spettacolo prevede un biglietto intero di 22 euro e un ridotto di 16.50 euro, posto unico, inclusa prevendita

Biglietti nei punti prevendita Vivaticket.

Info: 051 231836 biglietteria@teatrodusebologna.it

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000