SAN GIOVANNI IN MARIGNANO

C’è poco da fare La notte rimane sempre alle streghe

Per i 30 anni della manifestazione un’edizione ricca di grandi ospiti e tanta magia Oltre 20 le compagnie internazionali presenti

di ALESSANDRO FIOCCA

16/06/2018 - 13:43

C’è poco da fare La notte rimane sempre alle streghe

SAN GIOVANNI. L’edizione 2018 della “Notte delle Streghe” si preannuncia ancora più ricca di magia e sorprese. Gli organizzatori hanno infatti deciso di celebrare al meglio i 30 anni della manifestazione che, dal 1988, apre simbolicamente l’estate della Riviera. Dal 20 al 24 giugno saranno innumerevoli ed eterogenee le attrazioni allestite in ogni angolo del borgo. Spiccano gli spettacoli, delle oltre 20 compagnie italiane ed internazionali (Messico, Giappone, Serbia, Israele, Togo) pronte a stupire il pubblico nelle 150 repliche previste nel corso dei 5 giorni dell’evento.

Tre palchi

Tre i palchi nel centro storico. Due in piazza Silvagni, il terzo in via Fosso del Pallone. Già dal 7 giugno scorso, il tendone giallo del Circo Paniko, montato nell’area verde su via Gramsci, accoglie gli spettatori con lo spettacolo “Absyde” mentre da mercoledì 20 giugno, si svolgerà con una parata accompagnata dal Corpo Bandistico di San Giovanni in Marignano, che dall’alveo del Ventena arriverà in piazza Silvagni. La chiusura, la mezzanotte di domenica 24 giugno, ancora una volta nel letto del Ventena vedrà il rogo della strega e lo spettacolo di fuoco della compagnia messicana Quetzalcoatl. Proprio il fuoco è il tema centrale di questa trentesima edizione.

Acrobazie sui trampoli

A calcare i palchi delle Streghe saranno gli Afuma, provenienti dal Togo, impegnati in acrobazie sui trampoli al ritmo delle percussioni; dalla Spagna, la compagnia Cia Tresperté in Oopar, con una macchina del tempo molto speciale e i voli su bascula. Il fuoco è ancora protagonista con la performance di Kiwamu Miyakubo che per il suo “Fire Show” utilizzerà catene, katane infuocate ma anche delicati momenti di giocoleria. Dalla Francia, Benoit Charpe, in “Les zeles d’obus” accompagnerà il pubblico con il suo monociclo in un mondo fatto di poesia e leggerezza; il fuoco torna a stupire con le manipolazioni de Il Drago Bianco, mentre con “Vari”, dal Cile, Mr Dyvinetz rappresenterà attraverso le acrobazie con la ruota Cyr, la ciclicità del tempo.

Giocoleria

A far alzare gli occhi al cielo sarà Tatiana Foschi che in “L’aspetto” canterà danzando su un trapezio; la giocoleria caratterizzerà invece “Amami” di Mc Fois; mentre la magia delle bolle di sapone saranno l’arma che i Bubble in circus useranno nello spettacolo “Il soffio mafico”. Il brasiliano Guga Morales in “L’uomo Foca” declinerà l’arte della giocoleria Le Marionette saranno invece protagoniste della compagnia serba The Gipsy Marionettist. A portare in scena “un susseguirsi di idiozie intelligenti e ingegnose stupidaggini” sarà Pallotto con lo spettacolo “Fool fool bang bang”.

Streghe in parata

Diverse anche le compagnie itineranti che sapranno portare spettacolo e meraviglia lungo le vie del centro, a partire dalle “Streghe in parata” della compagnia Nouvelle Lune. La luce e i riflessi caratterizzeranno invece i serbi Mirror Crew. Ma tra il pubblico si aggirerà anche La Marcolfa a raccontare di usanze e mondi perduti. Da Israele arriva la poltrona animata di Familia Fantastic, dove quel che appare non è, stupendo il pubblico ignaro. In un mondo magico non poteva mancare infine la principessa Celsa, non proprio appetibile sposa, in cerca di marito.

www.lanottedellestreghe.net

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c