Extra è il magazine estivo del Corriere Romagna dal 1994

STEFANO TONTI

Un logo-luogo che parla del passato ai contemporanei

Il segretario generale all’Aiap ha firmato il simbolo del sito archeologico riminese

di GIULIA FARNETI

05/06/2018 - 12:00

Un logo-luogo che parla del passato ai contemporanei

RIMINI. Dopo anni trascorsi a Milano e Barcellona, ha deciso di tornare a stabilirsi a Rimini, la sua città. Le sue immagini grafiche per il teatro comunale Novelli di Rimini e per il Premio giornalistico internazionale “Ilaria Alpi” sono state selezionate per due edizioni del premio “Compasso d’oro” e i suoi lavori sono sparsi un po’ in tutto il mondo. Questo è Stefano Tonti (1964), attualmente in carica come segretario generale all’Aiap (Associazione italiana design della comunicazione visiva), il graphic designer che ha disegnato il nuovo logo per la “Domus del chirurgo”, il complesso archeologico in piazza Ferrari a Rimini.

Come noto si tratta di un’antica domus romana risalente al II secolo d.C. in cui sono stati ritrovati un gran numero di reperti e mosaici che hanno permesso una ricostruzione della casa e dell’identità del proprietario, oltre a far luce su un passato affascinante. Ci siamo soffermati sul logo con il suo autore.

Prima questo sito archeologico non aveva un logo. Perché farlo ora?

«Mi è venuta l’idea quando la domus è stata scelta per ospitare un’installazione artistica della “Biennale del disegno”; in questo frangente, ho cercato di darle un’identità visiva. La “Domus del chirurgo”, gestita dai musei comunali, si trova in pieno centro storico, avendo così la particolarità di essere fruibile per tutti. Racchiude la quotidianità del passato ma anche la modernità del luogo in cui si trova: in questo modo continua a vivere nel presente».

Com’è il logo?

«Credo sia davvero originale, ben fatto e anche molto sintetico, tanto da riuscire a racchiudere con un simbolo la storia di un sito archeologico».

Com’è nata l’idea grafica?

«Tutto è iniziato osservando i mosaici all’interno; tra questi, l’elemento geometrico che emergeva era quello di una “D”. Ho cercato di sviluppare questa particolarità, ovvero quella di trasportare l’antichità nel presente. Ho così disegnato nuovamente la lettera del nostro alfabeto, dando luogo al parallelismo tra l’operazione grafica e la contemporaneità della domus».

Cos’è la grafica oggi?

«Oggi siamo immersi in una miriade di stimoli visivi e non, dove molto spesso rischiamo di perdere la realtà. La grafica aiuta a organizzare la comunicazione e a rendere visibile il passato».

Com’è la grafica oggi?

«Credo sono sia solo legata al consumo e alla promozione dei beni artistici, bensì ha il potere di valorizzare il bene culturale».

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402